Basso peso alla nascita per troppi neonati nel mondo!

Miriam Cesta
A cura di Miriam Cesta
Pubblicato il 09/07/2019 Aggiornato il 09/07/2019

Un neonato su sette nel mondo ha un basso peso alla nascita ed è un dato ancora troppo elevato secondo l'Oms, dal momento che può comportare diverse complicazioni per la salute. Vediamo quali

Basso peso alla nascita per troppi neonati nel mondo!

Nel 2015 più di 20 milioni di bambini in tutto il mondo, vale a dire un neonato su sette, sono nati con un peso inferiore ai 2,5 kg. Il dato, che arriva da uno studio pubblicato sulla rivista The Lancet Global Health dai ricercatori della London School of Hygiene & Tropical Medicine di Londra (Regno Unito), dell’Unicef e dell’Organizzazione mondiale della sanità, riguarda soprattutto i Paesi in via di sviluppo – quasi tre bambini su quattro con basso peso alla nascita vengono alla luce tra l’Asia meridionale e l’Africa sub-sahariana – ma gli autori dello studio mettono in evidenza che il problema resta significativo anche nei Paesi ad alto reddito come Europa, Nord America, Australia e Nuova Zelanda.

Cambiamenti minimi

Per via delle conseguenze per la salute cui il basso peso alla nascita può dar vita, secondo l’Organizzazione mondiale della sanità la percentuale di bambini che nascono con questa condizione deve essere il più possibile contenuta. E l’attuale dato, ovvero un bambino su sette a livello globale che nasce con questa caratteristica, risulta ancora troppo elevato. Gli autori dello studio spiegano infatti che dal 2000 al 2015 il numero di bimbi nati con basso peso è diminuito passando da 22,9 milioni a 20,5 milioni, e se la progressione continuerà ad attestarsi sui valori attuali – pari a un calo annuo dell’1,2% – si resterà ben al di sotto del tasso di riduzione annuale del 2,7% necessario per raggiungere l’obiettivo fissato dall’Oms, che è quello di ridurre del 30% entro il 2025 il tasso di prevalenza di bambini nati con questa caratteristica.  “I governi nazionali stanno facendo troppo poco per ridurre la problematica del basso peso alla nascita – spiega Hannah Blencowe, che ha diretto l’indagine -. In 15 anni abbiamo osservato cambiamenti minimi. Per raggiungere l’obiettivo della riduzione del basso peso alla nascita del 30% entro il 2025 il ritmo dei progressi dovrà essere più che raddoppiato”.

Una questione di salute

Il basso peso alla nascita è uno dei fattori più fortemente associati non solo alla mortalità neonatale e infantile, ma anche a condizioni di salute precaria durante l’infanzia e in età adulta. Un bambino con basso peso alla nascita incontra infatti difficoltà, soprattutto nei primi giorni e/o settimane di vita, nello svolgimento di funzioni vitali come alimentazione e respirazione, con conseguente aumento del rischio di mortalità nel periodo immediatamente successivo alla nascita e nel primo anno di vita e incremento del pericolo di sviluppare problemi di salute nel corso degli anni (soprattutto patologie neurologiche, disturbi dell’apprendimento e alcune patologie cardiovascolari).

Ritardo di crescita e parto prematuro

Come spiega Mercedes de Onis dell’Oms, che ha preso parte alla ricerca, “il basso peso alla nascita è un’entità clinica complessa causata dal ritardo di crescita intrauterina e dalla nascita pretermine. Se in Asia meridionale in gran parte dei bambini venuti al mondo con questa problematica la causa è da ricercarsi nel ritardo di crescita intrauterina associato a malnutrizione materna, il parto prematuro rappresenta invece il maggior responsabile del basso peso alla nascita nei contesti in cui ci sono molte gravidanze adolescenziali, alta prevalenza d’infezioni, o dove la gravidanza è associata ad alti livelli di trattamenti per la fertilità e di parti cesarei, come accade in Brasile e Stati Uniti. Comprendere e affrontare queste cause dovrebbe essere una priorità”.

 

Una curiosità

Secondo uno studio guidato da Rosalind Wright della Icahn School of Medicine di New York City e pubblicato dal Journal of Pediatrics, le donne che hanno subito un trauma nel corso della vita e hanno una risposta alterata allo stress hanno maggiori probabilità di partorire un bambino che pesa poco.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Vaccino antivaricella: va fatto agli altri bimbi se c’è in casa un piccolissimo
14/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

I bambini che frequentano l'asilo dovrebbero essere vaccinati (anche) contro la varicella, per scongiurare il rischio di ammalarsi e contagiare un fratellino nato da poco.   »

Fattore Rh negativo: l’immunoprofilassi anti-D va fatta in gravidanza?
11/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' più che opportuno che le donne con fattore Rh negativo che aspettano un bambino eseguano l'immunoprofilassi specifica già durante la gravidanza. L'iniezione (intramuscolare) dovrebbe essere effettuata da personale sanitario.  »

Vertigini a 13 anni: cosa può essere?
10/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

Le vertigini potrebbero essere espressione di un problema che riguarda l'orecchio interno: solo la visita otoneurologica può escluderlo o confermarlo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti