Cura del canguro: un aiuto per i bimbi prematuri

Metella Ronconi A cura di Metella Ronconi Pubblicato il 28/12/2017 Aggiornato il 10/08/2018

La cosiddetta cura del canguro è un metodo semplice ma efficace che aiuta i piccoli pretermine a recuperare più in fretta

Cura del canguro: un aiuto per i bimbi prematuri

Si stima che ogni anno 15 milioni di bambini nel mondo nascano troppo presto. Il 6,7% dei 474mila bambini, ovvero circa 32mila nati in Italia ogni anno sono pretermine. Si tratta di quei neonati che vengono al mondo prima della 37a settimana di età gestazionale, e che inevitabilmente affrontano la vita con più difficoltà rispetto ai nati a termine, non avendo ancora maturato del tutto organi e apparati e non essendo ancora pronti ad adattarsi alla vita fuori dal grembo materno. Per loro viene in soccorso la cura del canguro.

Tanti benefici della marsupioterapia

Per aiutarli gli esperti della Società italiana di neonatologia (Sin) sottolineano l’importanza di un’assistenza adeguata ma anche del contatto con i genitori nella cosiddetta Kangaroo Mother Care (cura del canguro), che aiuta moltissimo i piccoli pretermine a recuperare più in fretta.Questo metodo, conosciuto anche come “marsupioterapia” è una tecnica neonatale che si basa sull’idea che il contatto pelle-a-pelle tra mamma e neonato possa favorire il benessere di quest’ultimo e anche migliorare le condizioni di fragilità fisica tipica dei bambini nati prematuri oppure sottopeso.

Gli effetti del contatto pelle-pelle

La presenza dei genitori nelle terapie intensive è indispensabile per il neonato. Il contatto pelle-a-pelle ha molti vantaggi: garantisce la regolazione della temperatura e del respiro, aiuta l’allattamento al seno, migliora il livello di ossigenazione e ha un’influenza positiva sullo sviluppo neurologico del neonato. Inoltre, crea un legame intenso che ha un impatto fortissimo sul piano psicologico per madre, padre e neonato.

In mancanza di incubatrici

La Kangaroo Mother Care è stata proposta per la prima volta nel 1978 a Bogotà, in Colombia, dal pediatra Edgar Rey, come metodo per risolvere il problema dell’insufficienza di incubatrici negli ospedali. A partire dagli anni ’80 la Kangaroo Mother Care è stata introdotta anche nelle Unità di terapia intensiva neonatale italiane, per favorire il legame tra genitore e neonato, aumentare la confidenza, consentire un più rapido adattamento alla vita extrauterina e coinvolgere precocemente i genitori nell’accudimento del proprio bambino.

 

 

 
 
 

Lo sapevi che?

I benefici della marsupioterapia anche sul lungo termine sono stati dimostrati in uno studio colombiano. A distanza di 18-20 anni chi era stato trattato alla nascita con questo metodo dimostrava un maggiore sviluppo cognitivo e cerebrale, rispetto ai bambini messi nell’incubatrice.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Fai la tua domanda agli specialisti