Incubatrice: una culla speciale per i neonati prematuri

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 26/01/2012 Aggiornato il 26/01/2012

Detta anche culla termica, l’incubatrice crea le condizioni di sterilità, calore e umidità indispensabili al piccolo per “completare” la sua crescita  

 Incubatrice: una culla speciale per i neonati prematuri

L’incubatrice, chiamata anche culla termica, ha come obiettivo quello di ricreare le condizioni ottimali di sterilità, calore e umidità in cui il feto si trovava prima di nascere; permette perciò di mantenere il neonato, molto spesso nato da un parto prematuro in un ambiente controllato dove si può intervenire in caso di necessità. In genere, il bimbo viene tolto dalla incubatrice quando la sua temperatura corporea si stabilizza intorno ai 37° C (il corpo del prematuro tende infatti a disperdere calore più facilmente) e il peso si aggira intorno ai 2.000-2.500 grammi. L’incubatrice è, in realtà, utilizzata anche per i bambini nati “a termine”, ma con un peso al di sotto dei 2.500 grammi. Spesso per questi piccoli, prematuri o sottopeso, si ricorre alla tecnica della marsupioterapia che consente tra l’altro di ridurre i tempi di degenza nella culla termica. In ogni caso, l’incubatrice è in grado di mantenere i neonati in condizioni di temperatura e ossigenazione costanti e ottimali. Ecco, in particolare, come funziona.

Aiuta il piccolo a respirare

Un tubo apporta ossigeno umidificato all’interno dell’incubatrice, dove il livello di umidità dell’aria deve aggirarsi intorno all’80-90 per cento per evitare che l’organismo del bambino si disidrati (perda, cioè, un’eccessiva quantità di liquidi). In caso di difficoltà respiratorie del bambino si utilizzano apposite apparecchiature, in genere un sondino per far inalare direttamente al bambino l’ossigeno.

Gli fornisce nutrimento

Un altro sondino collega il naso con lo stomaco del bebè, al fine sia di eliminare l’aria in eccesso e l’eventuale liquido amniotico ingurgitato nell’utero sia di farvi giungere minime quantità di latte (preferibilmente materno) e abituare gradualmente il neonato a nutrirsi da solo. Le altre sostanze nutritive sono iniettate direttamente in vena (per fleboclisi).

Controlla le sue condizioni di salute

Sul torace del piccolo due elettrodi collegati a un monitor controllano il battito cardiaco, la circolazione sanguigna e l’attività dei polmoni. Un sensore rileva poi la temperatura corporea che nel bimbo pretermine non raggiunge i 37 gradi. Il suo corpo tende, infatti, a disperdere calore poiché la superficie cutanea è molto estesa rispetto al peso e manca lo strato di grasso utile come riserva di energia e come isolante termico. Un altro sensore controlla il livello di ossigenazione del sangue. Sulle pareti dell’incubatrice una serie di fori a oblò permette a medici e infermieri di visitarlo senza doverlo spostare. A volte l’incubatrice incorpora una bilancia elettronica per il monitoraggio del peso. Un display rileva la temperatura all’interno, mantenuta superiore ai 30° C.

In breve

Culla termica: il salvavita per i bebè prematuri

Nell’incubatrice vengono ricreate le condizioni ottimali di sterilità, calore e umidità in cui si trovava il feto prima di venire alla luce. Il neonato ha la possibilità di raggiungere il giusto peso, di ricevere l’ossigeno nel caso in cui abbia difficoltà respiratorie e di essere nutrito tramite un sondino.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Positiva allo streptococco a qualche settimana dal parto

19/04/2021 Bambino di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui il tampone rivelasse una positività allo streptococco, al momento del parto viene effettuata una profilassi antibiotica per evitare che il bambino venga contagiato dal batterio durante il passaggio all'esterno.  »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Smettere di allattare e sensi di colpa

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Le mamme sono specializzate in sensi di colpa, ma forse riuscirebbero a nutrirne di meno se solo acquisissero la consapevolezza che la tristezza e l'ansia che ne derivano non fanno bene alla serenità del bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti