La voce della mamma allevia il dolore dei bambini prematuri

Roberta Raviolo A cura di Roberta Raviolo Pubblicato il 19/10/2021 Aggiornato il 19/10/2021

Secondo alcuni ricercatori, il dolore dei bambini prematuri durante alcune manovre mediche è reso più lieve dalla voce della madre

La voce della mamma allevia il dolore dei bambini prematuri

Esiste un analgesico tutto naturale che può alleviare il dolore dei bambini prematuri, quando devono essere sottoposti a cure che causano disagio: è la voce della mamma. Lo ha dimostrato una ricerca condotta da studiosi dell’Università della Valle d’Aosta, in collaborazione con l’Università di Ginevra e l’Usl Valle d’Aosta, uscita sulla rivista Scientific Reports. Lo studio è una conferma in più sull’importanza del ruolo dei genitori nell’accudimento dei neonati, in particolare sui più fragili, nel delicato momento delle cure intensive.

Una voce che conforta

La vicinanza della mamma (ma anche del papà) è essenziale per il contatto pelle a pelle, che svolge un insostituibile ruolo protettivo nei primi giorni di vita. Inoltre, la presenza dei genitori rinforza il legame di attaccamento, fondamentale per lo sviluppo neurologico e cognitivo del neonato. Questo legame, dato per scontato nei bambini nati a termine, può essere compromesso quando i bimbi vengono al mondo prima del tempo, perché nascono in una situazione di fragilità che richiede ancora più attenzione. Anche la voce della mamma si rivela fondamentale per il benessere di questi neonati. In particolare, è stato provato che ascoltare parole sussurrate dalla madre allevia il dolore dei bambini prematuri quando devono subire manovre come prelievi del sangue, posizionamenti di sondini per la nutrizione o altro.

La valutazione del dolore

Queste procedure non possono essere eseguite con l’impiego di troppi analgesici, che potrebbero causare problemi allo sviluppo del bambino. La voce della mamma, invece, apporta beneficio perché i ricercatori hanno rilevato che il piccolo, ascoltando le parole materne durante le procedure, mostra minori segnali di sofferenza.
Gli esperti hanno chiesto alle mamme di 20 neonati prematuri, ricoverati all’ospedale Umberto Parini di Aosta, di essere presenti durante il prelievo di sangue dal tallone. Il prelievo è stato effettuato in tre giornate diverse: durante il primo prelievo la mamma era assente, durante il secondo la mamma parlava al bebè, mentre durante il terzo prelievo cantava.
Per l’esperimento è stato utilizzato il Pipp, sistema di valutazione che unisce espressioni facciali e parametri come battito cardiaco e ossigenazione che attestano le sensazioni dolorose del bambino. Il punteggio era più basso, segno di minore percezione del dolore, quando la mamma parlava.

La valutazione dell’ossitocina

Gli esperti inoltre si sono basati su un parametro oggettivo, ossia la misurazione dell’ossitocina per dimostrare che la voce materna allevia il dolore dei bambini prematuri.  L’ossitocina è un ormone collegato allo stress e al dolore, che è stato misurato attraverso un campione di saliva dei bambini, prima che la mamma parlasse o cantasse e dopo il prelievo di sangue. È stato notato che i livelli di ossitocina aumentavano notevolmente mentre la mamma parlava al bebè, passando da 0,8 picogrammi per millilitro a 1,4. È, quindi, importante, anche a casa dopo la dimissione, continuare a parlare con dolcezza al proprio bimbo, che ritrova i ritmi e i suoni confortanti tipici della vita intrauterina.

 

 

 
 
 

Da sapere!

Non sempre è possibile impedire un parto pretermine, ma regolari visite dal ginecologo, uno stile di vita sano eliminando completamente alcolici e fumo, l’alimentazione nutriente e corretta possono fare molto per proteggere la salute della mamma e, di conseguenza, anche quella del feto in crescita.

 

Fonti / Bibliografia

  • Maternal speech decreases pain scores and increases oxytocin levels in preterm infants during painful procedures | Scientific ReportsPreterm infants undergo early separation from parents and are exposed to frequent painful clinical procedures, with resultant short- and long-term effects on their neurodevelopment. We aimed to establish whether the mother’s voice could provide an effective and safe analgesia for preterm infants and whether endogenous oxytocin (OXT) could be linked to pain modulation. Twenty preterm infants were exposed to three conditions—mother’s live voice (speaking or singing) and standard care—in random order during a painful procedure. OXT levels (pg/mL) in saliva and plasma cortisol levels were quantified, and the Premature Infant Pain Profile (PIPP) was blindly coded by trained psychologists. During the mother’s live voice, PIPP scores significantly decreased, with a concomitant increase in OXT levels over baseline. The effect on pain perception was marginally significant for singing. No effects on cortisol levels were found. The mother’s live voice modulated...
  • Validation of the premature infant pain profile in the clinical setting - PubMedThis study demonstrates that the PIPP is a pain measure with good construct validity and excellent inter- and intrarater reliability for the assessment of procedural pain of preterm and term infants in clinical settings.
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

E’ gemellare la mia gravidanza?

29/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Arianna Prada

Per sapere se la gravidanza è gemellare nonché per capire se, eventualmente, è in evoluzione favorevole è necessario attendere che il tempo trascorra. Continuare a sottoporsi a controlli troppo presto non serve a ottenere risposte (ma ad aumentare l'ansia sì).   »

Pancione: quali traumi (urti, colpi, pressioni) possono danneggiare il bambino?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Qualsiasi trauma addominale che provoca dolore deve essere sottoposto velocemente all'attenzione di un medico del pronto soccorso ostetrico.   »

Bimbo “atopico”: quali accorgimenti per controllare l’eczema?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

La detrmatite atopica è una malattia cronica che va trattata con i farmaci (in particolare, creme cortisoniche) e controllata mettendo in pratica alcune strategie relative allo stile di vita.  »

Feto con un ventricolo cerebrale lievemente più grande

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se le dimensioni dei ventricoli cerebrali sono maggiori dell'atteso, ma non superiori ai quelle ritenute normali non si è autorizzati a pensare a una patologia.   »

Fai la tua domanda agli specialisti