Latte materno: fa bene al cuore dei prematuri

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 11/08/2016 Aggiornato il 11/08/2016

Allattare al seno fa bene alla mamma e al bambino. Ma c'è di più: il latte materno migliora la funzionalità cardiaca dei neonati prematuri. Ecco perché

Latte materno: fa bene al cuore dei prematuri

L’allattamento al seno è promosso da tutti i pediatri, esclusivo per i primi sei mesi e a richiesta almeno per le prime settimane di vita del bambino. Allattare, infatti, fa bene sia alla salute della mamma, sia al benessere del piccolo. Dal latte materno passano anticorpi e sostanze nutritive ineguagliabili, digeribili e perfettamente assimilabili. Ma il latte materno è una panacea anche per la salute del cuore dei neonati prematuri. Lo ha stabilito uno studio recente dell’Università di Oxford.

Il ruolo della nutrizione

A determinare il ruolo benefico del latte materno sulla funzionalità cardiaca dei neonati prematuri, è una ricerca di un’équipe dell’Università di Oxford, pubblicata sulla rivista Pediatrics. Ciò su cui si è voluto puntare è il legame tra salute del cuore dei neonati prematuri e tipo di alimentazione.

Differenze anatomiche e funzionali

Il cuore dei bambini nati pretermine è differente per conformazione e sviluppo da quello dei neonati a termine. Nello specifico, è lo sviluppo a essere anomalo: si tratta di un cuore complessivamente più piccolo, con le camere di dimensioni ridotte, pareti più spesse e una funzionalità compromessa.

Benefici dimostrati

Studiando ben 900 individui, seguiti dalla nascita, la ricerca ha potuto analizzare quanto i diversi regimi alimentari possano migliorare (o meno) la salute cardiaca. Ebbene, tra gli individui di questo campione, chi era nato pretermine ed era stato allattato esclusivamente al seno mostrava una funzionalità cardiaca migliore, in cui lo svantaggio iniziale era stato colmato.

Formula ineguagliabile

Ma perché solo il latte materno può dare questo tipo di miglioramento sul cuore dei neonati prematuri? Perché, hanno stabilito i riceratori, il latte della mamma contiene enzimi, anticorpi e nutrienti perfettamente assimilabili e che nemmeno il miglior latte formulato può eguagliare.

 

In breve

SI’ ALL’ALLATTAMENTO ESCLUSIVO E A RICHIESTA

L’allattamento al seno, nei primi mesi di vita del bebè, dovrebbe essere esclusivo (ovvero, senza introduzione di altre bevande, compresa l’acqua, tranne in casi particolari) e a richiesta. Attaccare al seno il piccolo quando è lui a chiederlo, senza irrigidirsi su orari e numero di pasti, porta a una maggiore produzione di latte e, quindi, a una migliore crescita del neonato. Nonché a una sensazione accresciuta di benessere anche per la neomamma.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Le flash card di anatomia sono adatte a tre anni di età?

19/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Una bimba di tre anni il corpo umano dovrebbe cominciare a conoscerlo partendo dalle varie parti del suo: manine, piedini, nasino, bocca, orecchie e così via.   »

TSH oltre il limite: ci sono rischi in gravidanza?

14/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Un valore di TSH che supera di poco la soglia considerata ottimale non espone il feto a particolari pericoli. A patto però di assumere l'Eutirox e di controllare con regolarità la funzionalità tiroidea.   »

Ecografia, mammografia, autopalpazione: ecco le indagini per il seno

11/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Scoprire tempestivamente la presenza di un nodulo maligno nella mammella salva la vita. Tre sono le indagini che lo permettono.   »

Fai la tua domanda agli specialisti