Nasce il Network dei prematuri per un’assistenza migliore

Roberta Camisasca A cura di Roberta Camisasca Pubblicato il 12/08/2019 Aggiornato il 12/08/2019

Un unico database creato per raccogliere tutti i dati relativi ai neonati prematuri.

Nasce il Network dei prematuri per un’assistenza migliore

Garantire la migliore assistenza possibile ai neonati prematuri e fornire una fotografia accurata e aggiornata dei servizi offerti dalle varie strutture presenti sul territorio nazionale. Sono questi gli obiettivi del Network neonatale messo a punto dalla Sin (Società italiana di neonatologia), che ha coinvolto circa 240 centri nazionali che dispongono di un reparto di patologia neonatale e/o di terapia intensiva.  Lo scopo è quello di essere pronti e preparati per affrontare le   molteplici problematiche a cui un neonato pretermine può andare incontro, sia a breve che a lungo termine, conoscerne i rischi e gli esiti.

Assistenza mirata e cure avanzate

I nati pretermine sono quelli che nascono prima della 37a settimana di gestazione e, per via di questa prematurità, necessitano di un’assistenza mirata e cure avanzate, ribadiscono gli esperti. Il livello di prematurità, le patologie e lo stato di salute determinano la portata delle problematiche da gestire in ospedale.

Il progetto prevede una piattaforma per ogni reparto di patologia neonatale e terapia intensiva neonatale in modo da avere a disposizione, in tempo reale, i dati relativi a tutti i nati pretermine assistiti nel centro. Questi possono essere facilmente confrontati con gli altri ospedali italiani ed esteri, aderenti al Vermont Oxford Network.

Nei primi anni di vita

Diversi i vantaggi auspicabili dall’introduzione del network: favorire la ricerca scientifica, analizzare gli effetti delle procedure assistenziali, individuare le aree di miglioramento e promuovere interventi di potenziamento delle cure dei prematuri, collaborare con altre realtà nazionali. 

A breve, l’arrivo di un Network dedicato al follow-up che raccoglierà informazioni neuroevolutive, auxologiche e respiratorie dei prematuri nei primi anni di vita. L’iniziativa è sempre della Società italiana di neonatologia. Fondamentale infatti l’assistenza dopo la dimissione, per proseguire le cure impostate in ospedale e diagnosticare precocemente eventuali disturbi neurologici e sensoriali, per intraprendere nei tempi più indicati un possibile supporto riabilitativo e abilitativo, se necessario.

 
 
 

Da sapere!

Avendo a disposizione dati aggiornati, condivisi a livello nazionale e internazionale, gli specialisti potranno confrontarsi meglio con le Istituzioni sanitarie regionali e nazionali.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Fontanella anteriore chiusa in una bimba di 4 mesi: è preoccupante?

20/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se l'accrescimento della circonferenza cranica è regolare e se lo sviluppo neuropsicologico è adeguato all'età, la chiusura precoce della fontanella non deve destare alcuna preoccupazione.   »

Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

15/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.   »

Quarto cesareo: ci saranno problemi?

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo è sempre un intervento difficile per i medici, perché è possibile che i precedenti abbiano lasciato aderenze tra i tessuti uterini e gli organi circostanti, ma questo non significa che non possa andare comunque tutto per il meglio.  »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti