Neonati prematuri: il loro cervello è diverso?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 17/06/2014 Aggiornato il 17/06/2014

Il cervello dei neonati prematuri presenta meno materia bianca complessiva e un talamo più piccolo. Ecco le eventuali conseguenze

Neonati prematuri: il loro cervello è diverso?

Che i neonati prematuri presentino un rischio più elevato di avere organi meno sviluppati è risaputo da tempo. Fino a oggi, però, si pensava che questo pericolo fosse limitato per lo più ai polmoni. Invece riguarda anche il cervello dei neonati prematuri. La conferma arriva da uno studio condotto da un team di ricercatori americani, della University of Iowa, presentato durante il meeting della Pediatric Academic Societies di Vancouver, Canada.

Lo studio a 7 anni di età

La ricerca ha coinvolto 96 bambini di età compresa fra i 7 e i 13 anni. Di questi, 64 erano venuti alla luce secondo i tempi previsti, mentre 32 erano stati neonati prematuri: fra le 34 e le 36 settimane di gravidanza. I ricercatori hanno sottoposto tutti i partecipanti a una risonanza magnetica cerebrale, per analizzare il loro cervello.

Meno materia bianca e un talamo più piccolo

Dall’analisi dei risultati è emerso che il cervello dei bambini nati prematuramente presentava alcune differenze rispetto a quello dei bambini nati a termine. In particolare, nei primi sono stati osservati meno materia bianca cerebrale complessiva e un talamo più piccolo.

Quali effetti?

Gli autori hanno spiegato che queste differenze potrebbero influenzare l’apprendimento e il comportamento. Infatti, occorre considerare che la materia bianca complessiva svolge un ruolo essenziale nella comunicazione tra cellule nervose, mentre il talamo è un’area del cervello coinvolta nei segnali motori e sensoriali. In effetti, già altri studi condotti in precedenza avevano dimostrato che i prematuri hanno difficoltà di questo tipo: i bimbi che sono nati fra la 34a e la 36a settimana di gestazione sembravo presentare più difficoltà sociali, comportamentali e scolastiche rispetto a quelli nati dopo la 37a settimana di gravidanza.

In breve

IL LATTE È LA MIGLIOR MEDICINA

Per migliorare le condizioni dei bambini prematuri in terapia intensiva è fondamentale il latte umano: stimola la crescita e lo sviluppo neurologico. Se la mamma non può o non vuole allattare spesso si ricorrere al latte donato e conservato nelle banche del latte. 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perdite di sangue nel primo trimestre: cosa può essere?

27/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una volta escluso, grazie all'ecografia, che il sanguinamento sia dovuto a un distacco o ad altre complicazioni, occorre capire se la causa potrebbe essere un'infezione.   »

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Fai la tua domanda agli specialisti