Neonati prematuri: meno rischi con la “palestrina intelligente”

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 02/01/2015 Aggiornato il 02/01/2015

Un gruppo di ricercatori ha realizzato una palestrina in grado di favorire lo sviluppo dei bimbi nati prematuri. Ecco come funziona

Neonati prematuri: meno rischi con la “palestrina intelligente”

Si calcola che, ogni anno, in Italia nascano 50 mila bambini prematuri. Si tratta di neonati fragili, che presentano un rischio più elevato della norma di sviluppare disturbi neuropsicologici. Aiutarli, però, è possibile. Non solo con le cure altamente specialistiche, l’uso di incubatrici e il contatto con la mamma. Anche il gioco può essere di grande supporto, purché studiato in maniera specifica per le loro necessità. È la conclusione cui è giunto un gruppo di ricercatori che ha messo a punto una palestrina intelligente davvero utile nei piccoli nati prematuri.

Un progetto di ricerca internazionale

Al progetto sulla palestrina, compiuto nell’ambito del progetto CareToy finanziato dalla Commissione europea, hanno preso parte diverse università e industrie, di vari Paesi. Il coordinamento è stato affidato all’Istituto di BioRobotica della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa.

Un gioco speciale

Gli esperti hanno progettato e poi realizzato una palestrina speciale. Apparentemente è del tutto simile a quelle che si trovano normalmente in commercio e sono destinate all’intrattenimento dei bimbi di pochi mesi di vita. In realtà, è altamente innovativa e tecnologica ed è stata pensata per i piccoli prematuri. Infatti, è dotata di sensori e rilevatori che sono in grado di monitorare una serie di parametri fondamentali nello sviluppo psicofisico dei bebè, come la postura e la manipolazione. Questi dati, una volta raccolti, grazie a una connessione telematica, vengono trasmessi in tempo reale al centro clinico che assiste il piccolo e la sua famiglia. In questo modo, i medici possono controllare ciò che accade e suggerire ai genitori quali sono le attività più indicate per la crescita del loro figlio e quali quelle sconsigliate.

I bimbi devono solo giocare

Il grande vantaggio offerto da questa palestrina è che il bebè non deve essere sottoposto a esami particolari e non deve nemmeno essere portato in ospedale. Deve semplicemente fare ciò che ama di più: giocare con mamma e papà, nella tranquillità di casa. È sufficiente questo per far capire ai medici quali indicazioni dare alla famiglia per ridurre il rischio di comparsa di disturbi neurologici o di altra natura. 

I primi risultati sono positivi

L’efficacia della palestrina, al momento, è stata testata in 20 bimbi prematuri: alcuni sono nati presso il reparto di Neonatologia dell’ospedale Santa Chiara di Pisa e altri in un ospedale di Copenhagen. La sperimentazione è durata un mese e ha dato ottimi risultati. Non solo le famiglie hanno dichiarato di aver apprezzato questi strumenti, ma sono stati registrati anche miglioramenti significativi nei bambini, in particolare nel loro sviluppo motorio. Lo studio comunque non finisce qui. “Il progetto CareToy si trova nella fase più cruciale e vede ben sei sistemi lavorare in parallelo. Abbiamo predisposto una piattaforma che consente di stimolare lo sviluppo del cervello e della mente del bambino” ha spiegato Paolo Dario, Direttore dell’Istituto di BioRobotica della Scuola Superiore Sant’Anna.

 

In breve

SERVONO CURE PARTICOLARI

I bambini prematuri richiedono cure particolari. Non solo in ospedale, ma anche una volta a casa vanno seguiti con attenzione dai genitori e sottoposti a controlli regolari.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccino antiinfluenzale: lo faccio al mio bimbo?

23/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Vaccinare contro l'influenza i bambini piccoli è ora più che mai la scelta giusta: ad affermarlo il Ministero della salute e la Società italiana di pediatria.   »

Dubbio sul valore delle beta-hCG

23/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Per capire se la gravidanza sta procedendo, serve l'ecografia, tuttavia non conviene farla prima che il valore dell'ormone beta-hCG sia almeno a 1000.  »

Bimba che fatica ad addormentarsi: le si può dare la melatonina?

06/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Francesco Peverini

Dormire è fondamentale per tutti, ma in particolare per i bambini: cercare un rimedio contro un eventuale disturbo del sonno è dunque opportuno.   »

Sono incinta: posso continuare ad allattare?

14/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se lo si desidera, non c'è ragione di smettere di allattare quando inizia una nuova gravidanza.   »

Fai la tua domanda agli specialisti