Prematuri: latte materno donato cercasi

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 27/04/2015 Aggiornato il 27/04/2015

È stato siglato l’accordo tra la Città della salute e della scienza di Torino e l’ospedale Beauregard di Aosta per far arrivare in Piemonte il latte salvavita per i neonati prematuri

Prematuri: latte materno donato cercasi

Manca il latte materno per i bimbi prematuri, e proprio per questi piccoli pazienti delle terapie intensive neonatali è nato un progetto solidale che interessa due regioni italiane: Piemonte e Valle d’Aosta. È stato firmato, infatti, l’accordo, primo in Italia tra la Città della salute e della scienza di Torino – con la Neonatologia dell’Università di Torino, diretta dal professor Enrico Bertino – e l’ospedale Beauregard di Aosta – con la neonatologia diretta dal dottor Cesare Arioni – che stabilisce la possibilità di esportare dalla Neonatologia di Aosta il latte donato alla Banca del latte di Torino.

Il progetto “salvavita”

Nello specifico la neonatologia del Beauregard si occuperà della raccolta del latte offerto dalle mamme donatrici, della sua conservazione temporanea e del trasporto alla Banca del latte donato di Torino, che ha sede presso l’ospedale infantile Regina Magherita, il tutto nel più rigoroso rispetto dei principi di sicurezza e delle raccomandazioni delle recenti linee di indirizzo del ministero della Salute.

Il latte materno donato non è mai troppo

Per i bimbi nati prima del termine ricoverati in terapia intensiva, il latte materno è un vero e proprio “salvavita”, purtrppo però può non essere disponibile, almeno nel primo periodo dopo il parto. “Nonostante le numerose donatrici di latte materno, la Banca del latte umano donato dell’ospedale Regina Margherita della Città della salute e della scienza si trova frequentemente in difficoltà nella fornitura di quantità di latte, in primis per i piccoli prematuri delle terapie intensive neonatali dell’azienda, dove nasce la grande maggioranza dei gravi prematuri del Piemonte” spiega Bertino, “da qui l’idea del progetto nato in collaborazione tra le due neonatologie e i genitori”.

Un’alleanza all’insegna della generosità

La Banca del latte di Torino si occuperà del trattamento del latte secondo le più moderne tecnologie; quello necessario ritornerà ai prematuri valdostani, la quantità in eccesso rispetto alle richieste del reparto di patologia neonatale dell’ospedale di Aosta resterà a disposizione dei prematuri delle terapie intensive torinesi, in una generosa alleanza tra le due regioni.

 

 

In breve

FONDAMENTALE PER LA SALUTE

L’uso del latte di banca nelle terapie intensive, oltre a favorire un alimento di alta qualità per i neonati ricoverati, favorisce il successivo avvio dell’allattamento materno già durante il ricovero e successivamente dopo la dimissione. Il latte materno, inoltre, riduce il rischio di infezioni e di enterocolite necrotizzante (malattia che può essere molto grave per i neonati pretermine.

 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Pillola dimenticata: è alto il rischio di gravidanza?

01/06/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Gaetano Perrini

Se ci si dimentica di assumere il contraccettivo orale, basta prenderlo entro 12 ore dall'abituale per non correre rischi.   »

Educazione di una piccina: quali istruzioni vanno seguite?

27/05/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

I bambini non sono robot: non ci si può aspettare che basti impartire una semplice dritta per ottenere i comportamenti desiderati.   »

Fertilità della donna dopo i 40 anni: cosa la influenza?

19/05/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

L'età anagrafica condiziona fortemente la possibilità di concepire. Ma non solo: altri fattori entrano in gioco e tra questi c'è il peso corporeo.  »

Fai la tua domanda agli specialisti