Prematuri: meglio aspettare a tagliare il cordone

Elisa Carcano A cura di Elisa Carcano Pubblicato il 08/02/2022 Aggiornato il 08/02/2022

L'indicazione già valida per i neonati a termine viene ora estesa anche ai prematuri. Ecco perché conviene aspettare a tagliare il cordone ombelicale

Prematuri: meglio aspettare a tagliare il cordone

Il cordone ombelicale è – sia fisicamente sia emotivamente – il “collegamento” tra la mamma e il bimbo nel pancione. Per nove mesi è il veicolo attraverso cui la linfa vitale raggiunge il feto e gli permette di svilupparsi. Dal momento della nascita, pertanto, il cordone ombelicale non serve più, in quanto il neonato vive di vita propria. Ma ne siamo così sicuri? Ovvero, è proprio certo che appena il bimbo viene al mondo il cordone non serva davvero più? Il dubbio è stato sollevato da tempo dagli scienziati che, infatti, consigliano di aspettare almeno un minuto prima di tagliare il cordone. Un’ulteriore conferma arriva ora da un nuovo studio condotto sui neonati prematuri.

Aspettare conviene sempre

Lo studio  in questione, durato due anni, è stato condotto dagli esperti della University of Sydney e i risultati sono stati pubblicati sulla rivista scientifica The Lancet Child and Adolescent Health.

Scrivono gli scienziati nel loro report: “Pensiamo che ritardando il taglio del cordone ombelicale i neonati riescono ad ottenere un maggior numero di globuli rossi e bianchi e di cellule staminali dalla placenta e ciò li aiuta a raggiungere un buon livello di ossigenazione, a controllare infezioni e a riparare eventuali lesioni ai tessuti”, spiega il coordinatore del lavoro, William Tarnow-Mordi.
Ritardare il taglio del cordone è ormai routine nei nati a termine, mentre per i prematuri vi è sempre stato il dubbio di tagliare immediatamente per prestare loro subito delle cure. “Questo studio su oltre 1500 nati prematuri, a metà dei quali è stato tagliato il cordone con un minuto di ritardo, mostra incontrovertibilmente che è meglio aspettare in ogni caso”. 

Confermate le raccomandazioni dell’Oms

Già l’Organizzazione mondiale della sanità, a seguito di precedenti studi, aveva raccomandato il ritardo nel taglio e nel clampaggio (l’applicazione di fermagli in due punti del funicolo per bloccarne il flusso di sangue) del cordone ombelicale alla nascita in assenza di controindicazioni specifiche, in tutte le nascite e, quindi, non solo nei parti naturali a termine, ma anche in quelli cesarei. Ora questo studio conferma la bontà di questa prassi anche nei nati pretermine.

Che cosa succede alla nascita

Appena il bimbo viene al mondo si procede al taglio del cordone ombelicale, gesto simbolicamente affidato al papà se – in assenza di controindicazioni – ha assistito al parto e si attende che smetta di pulsare. Numerose evidenze scientifiche hanno da tempo dimostrato che  attendere da uno a tre minuti prima di espletare questa pratica comporta numerosi benefici per i neonati. In particolare:

–  c’è un minore rischio di anemia neonatale  a 4 mesi di vita, grazie al maggior apporto di ferro che il mancato blocco del flusso di sangue placentare assicura al bebè. Più precisamente sono stati riscontrati nei bambini cui il cordone era stato tagliato “in ritardo” livelli di emoglobina più alti nei nel primi 1-2 giorni dopo la nascita rispetto agli altri;

– c’è un migliore adattamento alla vita extrauterina, grazie alla più graduale transizione dalla circolazione fetale, per cui l’ossigeno viene assicurato al nascituro attraverso lo scambio di sangue con la placenta, alla respirazione neonatale attraverso i polmoni.

Per contro, il taglio tardivo risulterebbe aumentare le probabilità che il neonato sviluppi ittero (colorazione giallastra della pelle dovuta a un elevato tasso nel sangue di bilirubina, un pigmento contenuto nella bile), ma si tratta di norma di forme molto leggere e facilmente risolvibili

Restava il dubbio se questa pratica potesse giovare anche ai neonati prematuri e ora lo studio australiano sembra avere risolto anche questo dilemma.

 

 

 

 

 

 
 
 

Da sapere!

 Ritardare di appena un minuto il taglio del cordone ombelicale riduce la mortalità e il rischio di disabilità dei prematuri nati prima della 30a settimana e si riduce del 15% anche il rischio di dover ricorrere a una trasfusione di sangue.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Tosse violenta che non passa in una bimba di 4 anni: qual è la causa?

02/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Anche se di rado, una tosse secca, insistente, che nulla calma può essere dovuta al tappo di cerume: per escludere questa possibilità basta che il pediatra ispezioni accuratamente i condotti uditivi del bambino.  »

Collo dell’utero raccorciato in 25^ settimana: è possibile che torni a posto?

01/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In effetti la cervice può recuperare qualche millimetro, in assenza di contrazioni uterine, quindi non è detto che una minaccia di parto prematuro comporti con certezza la nascita del bambino molte settimane prima rispetto alla data prevista.  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti