Prematuri: russeranno di più

Roberta Camisasca A cura di Roberta Camisasca Pubblicato il 12/02/2018 Aggiornato il 08/08/2018

I bimbi prematuri rischiano di soffrire di apnee ostruttive del sonno perché hanno le vie respiratorie ristrette

Prematuri: russeranno di più

I bimbi prematuri sono più soggetti alle apnee ostruttive del sonno perché hanno le vie respiratorie ristrette: è quanto ipotizzato da uno studio del Children’s National Health System (Stati Uniti) che ha sottoposto 96 bambini a risonanza magnetica cerebrale. Dai risultati è emerso che il volume nasofaringeo dei piccoli nati a termine era di 495,6 millimetri rispetto ai 221,1 di quelli pretermine, mentre il volume orofaringeo dei neonati a termine era di 313,6 millimetri rispetto ai 179,3 dei prematuri.

Problema diffuso nei piccoli

I risultati della ricerca possono servire a dare un impulso a diagnosi più accurate e non invasive delle apnee del sonno nei bimbi, che sono tra i principali disturbi del sonno in età pediatrica: un terzo dei bambini tra 2 e 6 anni presenta russamento occasionale, mentre il 15% russa abitualmente e il 2-5% ha una sindrome delle apnee morfeiche ostruttive. Ossia, una malattia caratterizzata da prolungate ostruzioni complete o intermittenti delle alte vie respiratorie. Questi problemi di salute sono spesso sottovalutati dai genitori, ma in realtà rappresentano la terza minaccia per il benessere dei giovanissimi dopo il fumo e l’eccesso di peso.

Il sovrappeso peggiora la situazione

Tra le cause, oltre al fatto che i bimbi prematuri sono più soggetti alle apnee ostruttive del sonno, c’è anche il sovrappeso infantile, che risulta triplicato negli ultimi 30 anni. Anche chi è normopeso, però, può soffrire di questi disturbi: in questi casi la causa è da ricercare nell’aumento del volume delle adenoidi e delle tonsille e una possibile soluzione è quella di rimuoverle.

Serve lo specialista

Il problema è complesso e mina seriamente la qualità di vita del bambino, perciò va affrontato tempestivamente da un medico specialista. Se trascurato, infatti, a lungo andare può portare a disturbi dell’apprendimento provocati dal poco riposo, ritardi nella crescita e depressione. Inoltre, aumenta il rischio di malattie del cuore, tra cui ipertensione, ingrandimento del volume del ventricolo sinistro, aterosclerosi e patologie coronariche.

 

Da sapere!

Sono tante le conseguenze sulla salute legate alla nascita prematura. E anche se la sopravvivenza di questi bambini è migliorata notevolemente, i problemi restano.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Ovulazione: può verificarsi anche se si prende la pillola?

31/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono casi in cui, nonostante l'assunzione del contraccettivo orale, la donna continua a essere fertile: accade, per esempio, se è in sovrappeso.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti