Asma e allergie: primi segnali nell’intestino dei neonati

L’assenza di alcuni batteri intestinali predispone alla comparsa di asma e allergie nei neonati

Nell’intestino dei neonati sono già presenti segnali che possono predisporre a future probabili asma e allergie. A rivelarlo è uno studio da un team della University of California di San Francisco e pubblicato sulla rivista scientifica Nature Medicine.

Il ruolo dei batteri intestinali

L’esposizione precoce ad alcuni batteri intestinali trasmessi durante il parto naturale e l’allattamento al seno possono ridurre il rischio di asma e allergie, mentre l’assunzione precoce di antibiotici e il vivere in ambienti eccessivamente asettici, può – al contrario – predisporre i piccoli all’insorgenza di una forma allergica.  Per giungere a questa conclusion, gli studiosi americani hanno analizzato le feci di 130 bambini di un mese di vita. Nel corso del follow up, a 2 e 4 anni, 11 bambini hanno mostrato un rischio 3 volte superiore di sviluppare asma  e allergie rispetto alla media: proprio a loro mancavano alcuni batteri intestinali, mentre avevano livelli più elevati di alcune specie fungine.

Tutto parte dal sistema immunitario

Quello che accade in pratica è che una particolare composizione del microbioma produce molecole che riducono la presenza di un tipo di cellule immunitarie fondamentali per prevenire le allergie. I neonati con microbioma sano, invece, dispongono di una gamma di molecole prodotte dal metabolismo dei batteri in grado di nutrire le cellule immunitarie T-normativo e, quindi, in grado di mantenere il sistema immunitario sotto controllo. Avere una quantità minore di queste cellule, secondo gli autori dello studio, porta a un sistema immunitario iperattivo e potrebbe condurre ad asma e infiammazione cronica dei polmoni.

Prevenire l’asma

La diagnosi di asma nei bambini avviene in genere intorno ai sei-sette anni di età. Secondo la professoressa Susan Lynch, autrice dello studio, se la genesi della malattia è visibile sotto forma di perturbazione della flora intestinale nelle primissime fasi della vita postnatale, è forse possibile riprogettare la comunità di microbi nei neonati a rischio per prevenire lo sviluppo dell’asma allergica.

 

 

 
 
 

lo sapevi che?

Negli ultimi decenni, la diffusione di asma e allergie è raddoppiata nei Paesi occidentali.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Fontanella quasi chiusa a sei mesi: è un brutto segno?

La (quasi) chiusura della fontanella a sei mesi di età non è un segno allarmante, se lo sviluppo neurologico è normale e la crescita della circonferenza cranica regolare.   »

Tampone vaginale positivo allo streptococco al termine della gravidanza

Può accadere che in prossimità del parto il tampone vaginale rilevi la presenza dell'infezione. In questo caso, all'inizio del travaglio viene praticata la profilassi antibitica per evitare che il bambino venga contagiato al momento della nascita.   »

Influenza in gravidanza: è pericolosa?

Ci possono essere dei rischi, se l'influenza viene contratta nelle prime settimane di gravidanza, a causa della febbre. Nel secondo e nel terzo trimestre è improbabile che il bambino corra particolari pericoli. In generale, è sempre opportuno che una donna in attesa effettui la vaccinazione antiinfluenzale....  »

Fai la tua domanda agli specialisti