Bambini più intelligenti se nel primo mese la testa cresce di più

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 22/08/2013 Aggiornato il 22/08/2013

L'incremento delle dimensioni della testa dei bebè nel corso del primo mese di vita potrebbe essere legato a un maggiore quoziente intellettivo (QI) dei bambini con la crescita

Bambini più intelligenti se nel primo mese la testa cresce di più

Una testa dalle grandi dimensioni nel primo mese di vita predispone a un maggiore quoziente intellettivo dei bambini nei primi anni di scuola. È il singolare risultato di alcune ricerche condotte dagli studiosi della University of Adelaide. E questo è certamente un valore aggiunto per l’apprendimento sui banchi di scuola.

Testa grande, QI più sviluppato

I ricercatori hanno analizzato 13.800 bambini. I risultati ottenuti hanno mostrato che i neonati che avevano messo su il 40 per cento del loro peso alla nascita nelle prime quattro settimane, avevano un quoziente intellettivo più alto di 1,5 punti all’età di sei anni, rispetto a quelli che avevano aumentato il proprio peso di solo del 15 per cento. Gli stessi neonati con quozienti intellettivi più alti erano i bambini dalla circonferenza cranica – cioè la testa – maggiore. I risultati ottenuti sono stati pubblicati sulla rivista scientifica “Pediatric”.

Che cos’è il quoziente intellettivo

Il quoziente d’intelligenza o QI è un punteggio ottenuto tramite uno dei molti test standardizzati allo scopo di misurare l’intelligenza. Persone con QI basso sono a volte inserite in speciali progetti di istruzione, mentre i bambini con una testa dalle grandi dimensioni nel primo mese di vita, avrebbero un maggiore quoziente intellettivo e otterrebbero anche migliori risultati a scuola.

Le tappe più importanti 

È nel primo anno di vita del bambino che avvengono le tappe più importanti della sua crescita. Secondo gli esperti durante questo periodo, per esempio, il cervello apprende e assimila in maniera molto rapida.

Linguaggio e motricità 

Per esempio, linguaggio e motricità sono le tappe più importanti e, se si sviluppano in ritardo, possono nascondere dei problemi seri come sordità, deficit del linguaggio, autismo, malattie dello scheletro o dei muscoli o problemi neurologici. Invece, un corretto sviluppo psico-motorio di un bimbo significa che tutto l’organismo svolge un lavoro in sintonia e che tutto procede bene. 

In breve

OGNI MESE IL BEBE’ FA PROGRESSI

Generalmente a ogni visita di controllo, il pediatra, oltre ad accertarsi che il bimbo stia crescendo correttamente e che quindi la sua alimentazione e il suo metabolismo sono corretti ed efficienti, effettua un’attenta analisi dello sviluppo globale psicomotorio; in linea di massima ogni mese il bebè fa progressi.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tampone positivo allo streptococco durante la gravidanza

23/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono delle indicazioni da seguire quando si risulta positive allo streptococco in prossimità del parto, prima tra tutte recarsi con urgenza in Pronto soccorso fin dalla prima comparsa delle contrazioni.   »

Paroxetina: si può assumere nel periodo preconcezionale e poi in gravidanza?

23/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In relazione agli psicofarmaci, nel periodo del concepimento e poi durante la gravidanza è importante assumerli sotto la guida dello psichiatra e del ginecologo, in accordo tra loro.   »

Tosse dei bambini: l’antibiotico serve o no?

14/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

La tosse secca, anche se più disturbante, non deve preoccupare e non richiede inevitabilmente l'antibiotico, che invece va somministrato quando la tosse è “grassa”, con tanto catarro, e si protrae per oltre quattro settimane senza alcun accenno di miglioramento.  »

Fai la tua domanda agli specialisti