Sorriso dei neonati: è davvero involontario?

Silvia Finazzi
A cura di Silvia Finazzi
Pubblicato il 26/04/2018 Aggiornato il 04/08/2018

Coccolare, tenere in braccio, cullare i neonati non significa viziarli, ma farli stare bene. E loro risponderanno con un sorriso…

Sorriso dei neonati: è davvero involontario?

Ogni volta che il bambino accenna un sorriso e si distende in un’espressione beata, la mamma va in brodo di giuggiole. E inizia a chiedersi se quello del suo piccolo sia un gesto involontario o una reazione ben precisa alle coccole, al contatto, alle carezze. La verità sta nel mezzo: il sorriso dei neonati è quasi sempre istintivo, ma ha comunque un legame con quello che succede intorno. Certi atteggiamenti e certi comportamenti, dunque, possono favorirlo.

Fin dalla gravidanza

I bambini iniziano a sorridere prestissimo, addirittura ancor prima di nascere. Infatti, le ecografie mostrano i loro visi felici quando sono ancora nel pancione. Secondo gli studi più recenti, nel corso della gravidanza e in particolar modo durante le ultime settimane prima del parto, i piccoli iniziano ad assumere una mimica facciale molto intensa, quasi si stessero allenando a quella che useranno una volta nati: comincino a corrugare la fronte, fanno delle smorfie, piangono, sorridono. Gli esperti credono che questo sia un modo per manifestare lo stato di benessere che vivono dentro l’utero: infatti, se la mamma è rilassata e si sta godendo la gravidanza, i bambini sono più sereni e sorridono di più. Al contrario, se la donna è stressata e tesa e sta affrontando la gestazione con ansia e/o stanchezza, anche il bimbo è più agitato, si muove molto e assume una mimica contraria a quella del sorriso, ma simile a quella che caratterizza il pianto: tutta colpa del cortisolo, l’ormone dello stress, che aumenta se la mamma non è tranquilla.

Tanti sorrisi

E dopo la nascita cosa succede? Qualsiasi neogenitore più confermarlo: i neonati sorridono molto spesso. In realtà il sorriso dei neonati è una reazione involontaria, ma non casuale. Infatti, anche in questo caso il sorriso dei neonati esprime una sensazione di benessere. Ecco perché sorridono di più i piccoli che possono stare a stretto contatto con la mamma, che sono coccolati e accuditi con amore, che stanno spesso in braccio. Ed ecco perché gli esperti raccomandano ai genitori di fare il possibile per aumentare il cosiddetto “bonding”, ossia l’intenso legame con il piccolo. In che modo? Tenendolo a lungo pelle a pelle, guardandolo intensamente negli occhi, cullandolo, tenendolo in braccio, sorridendo a propria volta. Infatti, i neonati tendono a imitare i comportamenti di mamma e papà.

 

 
 
 

Da sapere!

Il sorriso come manifestazione di divertimento e come stimolo di risposta arriva in genere fra uno e tre mesi di vita.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Bimbo ostile allo svezzamento

Quando un bambino rifiuta con ostinazione le prime pappe e qualsiasi altro alimento diverso dal latte, occorre giocare d'astuzia (armandosi di infinta pazienza).   »

Bimba che di notte si sveglia spesso

I disturbi del sonno possono essere ben controllati con la pratica del co-sleepeeng, che consiste nel far dormire il bambino "accanto ai genitori", ma non nello stesso letto.   »

In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti