Sviluppo fisico e comportamentale neonato – 10° mese

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 13/01/2015 Aggiornato il 28/01/2015

Continua lo sviluppo motorio e comportamentale del neonato. Il bebè reagisce piangendo se affidato a una persona estranea e cammina in punta di piedi con equilibrio precario

Sviluppo fisico e comportamentale neonato – 10° mese

Il piccolo gattona spedito e inizia a camminare se viene sorretto con le mani dalla mamma o dal papà. I suoi primi movimenti sono però ancora piuttosto scoordinati e “a scatto”. Il corpo è sbilanciato e, nel tentativo di camminare, il bimbo assume un atteggiamento di marcia un po’ precipitosa: cammina, infatti, in punta di piedi perché non ha ancora un appoggio sicuro.

Il bimbo reagisce in modo forte e protesta piangendo se viene affidato a una persona estranea: ha già sperimentato l’angoscia da separazione e quindi ha paura di rimanere da solo con chi non conosce, anche se la mamma è presente e vicino a lui.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Ragazzina di 12 anni con problemi di comportamento

04/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

I 12 anni possono essere un'età complicata, ma la pazienza unita a un ascolto attento e affettuoso possono aiutare a fronteggiarli senza troppi scossoni.   »

Fibromi in gravidanza: sono pericolosi?

02/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

I fibromi in sé non costituiscono un pericolo per il bambino in utero, tuttavia è importante tenerli monitorati.  »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Fai la tua domanda agli specialisti