Intelligenza: a 10 mesi i primi ragionamenti

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 30/10/2018 Aggiornato il 02/11/2018

Per i bambini la capacità di elaborare un ragionamento è presente fin da quando hanno soltanto 10 mesi

Intelligenza:  a 10 mesi i primi ragionamenti

La capacità di ragionare si sviluppa nel primo anno di vita. Già a 10 mesi, infatti, i bebè sono in grado di fare deduzioni e generalizzazioni. Ancor prima di aver compiuto un anno, i neonati sono, infatti, già in grado di trarre conclusioni partendo da determinati presupposti. Ad affermarlo, in uno studio pubblicato sulla rivista Developmental Science, è un team di ricercatori americani coordinato da Stella Lourenco dell’Emory University di Altlanta (Usa).

Esperimenti con i pupazzi

I ricercatori hanno sottoposto un gruppo di bimbi tra 10 e 13 mesi, a diversi esperimenti. Prima sono stati mostrati loro alcuni video in cui erano presenti tre pupazzi: un elefante, un orso e un ippopotamo. Gli animali avevano dimensioni simili, ma erano disposti in fila in un ordine ben preciso: dal più debole al più forte. Nei vari filmati, l’elefante aveva un giocattolo che gli veniva portato via dall’orso. Successivamente, l’ippopotamo s’impadroniva del giocattolo dalle mani dell’orso. Lo scopo dei video era quello di suggerire che l’orso fosse più forte dell’elefante, e che l’ippopotamo lo fosse più degli altri due.

L’inatteso fa aumentare l’attenzione

In seguito, è stato trasmesso un filmato in cui l’elefante portava via il giocattolo all’ippopotamo. Durante la visione di questo scenario, che risultava incongruo rispetto ai precedenti, i bimbi sono stati più attenti. Successivamente, nei filmati è stato inserito anche un quarto personaggio (la giraffa), che non aveva un ruolo predominante.  Analizzando il comportamento dei bambini, gli scienziati hanno notato che la loro attenzione si concentrava di più quando lo scenario di gioco era inatteso, per cercare di capire come mai risultasse diverso da quanto avevano previsto.

Il ragionamento deduttivo

I bambini imparano rapidamente, come spugne che assorbono la conoscenza in quantità incredibili; i risultati dello studio indicano il modo in cui gli esseri umani apprendono le informazioni. Riuscire a ragionare in modo deduttivo, permette di fare generalizzazioni, senza dover sperimentare direttamente il mondo. La ricercatrice Lourenco ha affermato che, in base agli esperimenti, si può affermare che i bambini sono già in grado di effettuare questo tipo di ragionamento prima di compiere il primo anno di vita, mentre in precedenza si riteneva che non ne fossero capaci fino all’età di quattro o cinque anni. Il metodo utilizzato durante l’indagine, inoltre, potrebbe permettere di capire a che punto si trova l’apprendimento dei bambini. Il sistema potrebbe rappresentare un importante strumento per la valutazione dello sviluppo cognitivo.

 

 

In breve

OGNI BIMBO SEGUE I PROPRI RITMI

Ogni bambino si sviluppa secondo proprie modalità. Pertanto è impossibile dire esattamente quando un singolo bambino sarà in grado di raggiungere perfettamente una determinata fase di sviluppo; la conoscenza delle diverse tappe, però, può dare un’idea dei cambiamenti che avvengono durante la crescita e non bisogna allarmarsi se lo sviluppo del singolo bambino ha un decorso leggermente diverso da quanto previsto.

 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo di tre anni con attacchi di rabbia: che fare?

04/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Pazienza, comprensione, disponibilità, affetto sono gli ingredienti che aiutano a contrastare le crisi di rabbia di un bimbo di tre anni. Ma comprendere la ragione di certe intemperanze è altrettanto importante.   »

HPV ad alto rischio oncogeno: come avviene il contagio?

03/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

La trasmissione del Papilloma virus responsabile del carcinoma della cervice avviene quasi esclusivamente per via sessuale.   »

Vaccinazione anti-rotavirus: la ricerca dice sì, senza alcun dubbio sì

27/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Gli ultimi studi compiuti in modo serio e rigoroso sulla vaccinazione antirotavirus hanno evidenziato che si tratta di uno strumento più che sicuro (e prezioso) per la salvaguardia della salute dei piccolini.  »

Fai la tua domanda agli specialisti