Comportamento del bimbo – 11° mese

In questa fase il bambino cerca in oggetti, come bambole o coperte, il legame illusorio che la mamma sia sempre con lui

Vuole sempre il suo pupazzo

È normale che a questa età, dopo aver sperimentato l’angoscia di separazione e i primi distacchi dalla mamma, il bambino cerchi un oggetto, definito dagli psicologi “transizionale”, con cui ricreare l’illusione che la mamma sia sempre insieme a lui. Con questo oggetto, infatti, il bambino sostituisce in maniera simbolica la presenza della mam-ma e sente di averla sempre vicina, anche quando lei non c’è. L’oggetto transizionale lo rassicura e gli infonde sicurezza perché sa che gli appartiene e rimarrà lì con lui: di solito, è un oggetto soffice, morbido e caldo, come un peluche, una bambola o una coperta. Esso gli ricorda la mamma anche per gli odori di cui si impregna, in quanto sono gli odori familiari (per questo, quando si lava il peluche, spesso il piccolo scoppia a piangere). Il bambino non si stacca mai da questo oggetto amato e, soprattutto, non lo sostituisce con nessun altro.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Fontanella quasi chiusa a sei mesi: è un brutto segno?

La (quasi) chiusura della fontanella a sei mesi di età non è un segno allarmante, se lo sviluppo neurologico è normale e la crescita della circonferenza cranica regolare.   »

Tampone vaginale positivo allo streptococco al termine della gravidanza

Può accadere che in prossimità del parto il tampone vaginale rilevi la presenza dell'infezione. In questo caso, all'inizio del travaglio viene praticata la profilassi antibitica per evitare che il bambino venga contagiato al momento della nascita.   »

Influenza in gravidanza: è pericolosa?

Ci possono essere dei rischi, se l'influenza viene contratta nelle prime settimane di gravidanza, a causa della febbre. Nel secondo e nel terzo trimestre è improbabile che il bambino corra particolari pericoli. In generale, è sempre opportuno che una donna in attesa effettui la vaccinazione antiinfluenzale....  »

Fai la tua domanda agli specialisti