Comportamento del bimbo – 11° mese

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 13/01/2015 Aggiornato il 28/01/2015

In questa fase il bambino cerca in oggetti, come bambole o coperte, il legame illusorio che la mamma sia sempre con lui

Comportamento del bimbo – 11° mese

Vuole sempre il suo pupazzo

È normale che a questa età, dopo aver sperimentato l’angoscia di separazione e i primi distacchi dalla mamma, il bambino cerchi un oggetto, definito dagli psicologi “transizionale”, con cui ricreare l’illusione che la mamma sia sempre insieme a lui. Con questo oggetto, infatti, il bambino sostituisce in maniera simbolica la presenza della mam-ma e sente di averla sempre vicina, anche quando lei non c’è. L’oggetto transizionale lo rassicura e gli infonde sicurezza perché sa che gli appartiene e rimarrà lì con lui: di solito, è un oggetto soffice, morbido e caldo, come un peluche, una bambola o una coperta. Esso gli ricorda la mamma anche per gli odori di cui si impregna, in quanto sono gli odori familiari (per questo, quando si lava il peluche, spesso il piccolo scoppia a piangere). Il bambino non si stacca mai da questo oggetto amato e, soprattutto, non lo sostituisce con nessun altro.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Bimbo ostile allo svezzamento

Quando un bambino rifiuta con ostinazione le prime pappe e qualsiasi altro alimento diverso dal latte, occorre giocare d'astuzia (armandosi di infinta pazienza).   »

Bimba che di notte si sveglia spesso

I disturbi del sonno possono essere ben controllati con la pratica del co-sleepeeng, che consiste nel far dormire il bambino "accanto ai genitori", ma non nello stesso letto.   »

In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti