Crescita psicologica e motoria neonato – 11° mese

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 13/01/2015 Aggiornato il 28/01/2015

La curiosità contraddistingue l'undicesimo mese di vita del bambino. Il piccolo si diverte con giocattoli, suoni e rumori e cammina in modo più sicuro

Crescita psicologica e motoria neonato – 11° mese

Intorno a questa età migliora la deambulazione: il piccolo inizia, quindi, ad accennare i primi passi in modo più sicuro rispetto ai mesi precedenti.

Se viene aiutato, il bambino riesce anche a fare la capriola e si diverte moltissimo: è sufficiente che un adulto gli metta un braccio sotto la pancia e gli protegga la nuca mentre fa la capriola, facendogli appoggiare la testa nel modo corretto.

In questa fase il piccolo predilige giocattoli che emettono suoni e rumori, come carillon o piccole tavole musicali con pulsanti da schiacciare.

Il piccolo è molto curioso e si fa seguire da una persona adulta per arrivare a un oggetto da cui è attratto e sa sollevare il lenzuolo o il cuscino se sa che sotto d essi c’è un gioco che desidera prendere.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Mancato accollamento: è sempre necessario assumere progesterone?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Si parla di "mancato accollamento" quando la parete esterna del sacco gestazionale (corion) non è del tutto adesa alla mucosa uterina: la condizione può risolversi anche solo evitando strapazzi fisici, ovvelo col riposo relativo.  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti