Cosa sa fare il bambino – 12° mese

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 14/01/2015 Aggiornato il 28/01/2015

A dodici mesi, il bambino è in grado di dire mamma e papà, imita gli adulti in tutto, beve da solo e sa usare il cucchiaio per mangiare

Cosa sa fare il bambino – 12° mese

Sa usare il cucchiaio e bere da solo

Il bambino è capace ormai di usare il cucchiaio in modo adeguato per mangiare la pappa in autonomia. Sa anche prendere il bicchiere e bere da solo: l’operazione gli risulta più semplice se il bicchiere è dotato di un piccolo manico a lato, ma sa afferrare anche un bicchiere normale. Per la sua sicurezza è consigliabile comunque dargli bicchieri e tazze di plastica, in quanto sono infrangibili e il piccolo non rischia di farsi male.

Imita l’adulto in tutto

Migliorano i processi imitativi. Se finora riusciva a imitare l’adulto solo nelle azioni e nei suoni che riusciva a vedere o sentire in quel momento, ora sa riprodurre anche azioni che ha visto fare o suoni che ha sentito in precedenza: per esempio, se gli si dice “come fa il gatto?”, lui dirà “miao” o se gli si dice “fai la linguaccia” è capace di ripeterla se l’ha già vista fare. Imita anche azioni involontarie che vede fare dai genitori, come il gesto di toccarsi i capelli. Il bambino assimila tutti questi comportamenti semplicemente dall’osservazione dei genitori.

Sa dire “mamma” e “papà”

Finalmente è in grado di dire “mamma” e “papà” in modo chiaro. È interessante osservare che le prime parole che il bambino pronuncia, come “mamma” o “papà”, sono legate alla sua sfera affettiva, solo poi passerà a pronunciare parole di oggetti, come “pappa” o “casa”. Iniziano le prime ripetizioni intenzionali delle parole: se gli si dice “gatto”, lui proverà a ripetere la parola. Anche il sorriso manifestato dal genitore quando sente che il piccolo ripete la parola incoraggia i primi tentativi di parlare del bambino. Il piccolo è già in grado di comprendere il rapporto tra l’oggetto che indica e la parola emessa: per esempio, se dice “gatto” intende quel determinato animale che ha in mente o che ha davanti agli occhi.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

A due anni perché non parla ancora?

12/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Daniela Biatta

Fino ai tre anni di età, una volta esclusi deficit di qualsiasi natura, si può ipotizzare la non grave condizione di "parlatore tardivo"  »

Gravidanza e paura di effettuare il tampone vaginale

10/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Durante i nove mesi di gestazione, effettuare il tampone vaginale non espone ad alcun rischio, quindi può essere affrontato in assoluta tranquillità.   »

Bimba di due anni problematica: ma lo è davvero?

27/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Ci sono casi in cui non è il bambino a essere particolarmente difficile da gestine, ma i genitori a nutrire aspettative sul suo comprotamento che lui, per via della sua età, non può (ancora) soddisfare.  »

Fai la tua domanda agli specialisti