Sviluppo fisico bimbo – 12° mese

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 14/01/2015 Aggiornato il 28/01/2015

Raggiunti i dodici mesi il piccolo ha una buona padronanza del suo corpo e la sua intelligenza "pratica" (ovvero il come raggiungere uno scopo ben preciso) migliora giorno dopo giorno

Sviluppo fisico bimbo – 12° mese

A questa età il bambino ha finalmente conquistato la posizione eretta: sa quindi stare in piedi da solo e inizia a muovere i primi passi con maggiore sicurezza. Ha una buona padronanza del suo corpo e dei suoi movimenti ed è in grado di spostarsi nello spazio circostante in modo autonomo e sicuro.

Parallelamente alla conquista dell’autonomia motoria, il piccolo ha imparato finalmente a cadere senza farsi male: quindi se cade a pancia in giù, tende istintivamente ad allungare le manine in avanti per proteggersi, mentre quando cade al-l’indietro piega le gambine e si siede sul pannolone, “attutendo” il colpo.

L’esplorazione del suo corpo diventa sempre più precisa ed è in grado di compiere azioni coordinate tra di loro: per esempio, sa prendere un oggetto e lanciarlo oppure prende un oggetto e se lo porta alla bocca.

Ha imparato, inoltre, come raggiungere uno scopo ben preciso: l’intelligenza “pratica”, cioè la capacità del bambino di compiere azioni finalizzate a uno scopo determinato, è già comparsa intorno al-l’ottavo mese di vita, ma con il passare dei mesi le azioni finalizzate si perfezionano via via sempre più e il piccolo riesce quindi a compiere azioni del tutto intenzionali. A questa età, per esempio, il bambino sa togliere eventuali ostacoli posti tra sé e l’oggetto che vuole raggiungere.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sertralina in gravidanza contro ansia e attacchi di panico: ci sono rischi?

17/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Durante la gravidanza, se necessario si possono assumere psicofarmaci della categoria degli SSRI (inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina) senza esporre il bambino a rischi. Ben peggio sarebbe non impiegarli quando ve ne è bisogno.   »

Bimbo di sette mesi con un “buchetto” sopra il sederino: è preoccupante?

16/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

La presenza di una fossetta sacro-coccigea a fondo cieco, se non è associata ad altri segnali che possano far pensare a un problema della colonna vertebrale, non è significativa.   »

Preoccupata per l’assenza di sintomi “di gravidanza”

19/04/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è così automatico che la gravidanza, una volta iniziata, determini la comparsa di sintomi specifici, quindi l'assenza dei disturbi "tradizionali" (nausea, tensione al seno e così via) non deve essere interpretata come un segnale per forza negativo.  »

Fai la tua domanda agli specialisti