Sviluppo fisico bimbo – 12° mese

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 14/01/2015 Aggiornato il 28/01/2015

Raggiunti i dodici mesi il piccolo ha una buona padronanza del suo corpo e la sua intelligenza "pratica" (ovvero il come raggiungere uno scopo ben preciso) migliora giorno dopo giorno

Sviluppo fisico bimbo – 12° mese

A questa età il bambino ha finalmente conquistato la posizione eretta: sa quindi stare in piedi da solo e inizia a muovere i primi passi con maggiore sicurezza. Ha una buona padronanza del suo corpo e dei suoi movimenti ed è in grado di spostarsi nello spazio circostante in modo autonomo e sicuro.

Parallelamente alla conquista dell’autonomia motoria, il piccolo ha imparato finalmente a cadere senza farsi male: quindi se cade a pancia in giù, tende istintivamente ad allungare le manine in avanti per proteggersi, mentre quando cade al-l’indietro piega le gambine e si siede sul pannolone, “attutendo” il colpo.

L’esplorazione del suo corpo diventa sempre più precisa ed è in grado di compiere azioni coordinate tra di loro: per esempio, sa prendere un oggetto e lanciarlo oppure prende un oggetto e se lo porta alla bocca.

Ha imparato, inoltre, come raggiungere uno scopo ben preciso: l’intelligenza “pratica”, cioè la capacità del bambino di compiere azioni finalizzate a uno scopo determinato, è già comparsa intorno al-l’ottavo mese di vita, ma con il passare dei mesi le azioni finalizzate si perfezionano via via sempre più e il piccolo riesce quindi a compiere azioni del tutto intenzionali. A questa età, per esempio, il bambino sa togliere eventuali ostacoli posti tra sé e l’oggetto che vuole raggiungere.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Nonna che svaluta i genitori: che fare?

18/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Non si possono tollerare gli atteggiamenti prevaricatori dei nonni (né di altri parenti che si occupano dei bambini): in caso contrario si espongono i figli a vari rischi.   »

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti