Seggiolino auto: per i neonati solo viaggi brevi

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 29/12/2016 Aggiornato il 29/12/2016

Già dopo mezz'ora nel seggiolino auto i bimbi con meno di due mesi di vita possono andare incontro a difficoltà respiratorie. Percorsi brevi e soste frequenti

Seggiolino auto: per i neonati solo viaggi brevi

Se per i bambini viaggiare nell’apposito seggiolino auto (peraltro, è un obbligo di legge) è garanzia di protezione in caso di frenate o di impatto, per i neonati con meno di due mesi di vita il seggiolino auto può rappresentare un pericolo. A sostenerlo è uno studio condotto dai ricercatori dell’Università Bristol (Regno Unito) e pubblicato su Archives of Disease in Childhood – Fetal and Neonatal Edition, secondo cui nei bambini così piccoli stare nel seggiolino per più di 30 minuti può comportare diverse conseguenze.

Aumenta la frequenza cardiaca

I ricercatori hanno esaminato alcuni parametri (ossigenazione del sangue e frequenza cardiaca) in 40 neonati (19 nati a termine, 21 prematuri) di età compresa tra un giorno e due mesi di vita (età media 13 giorni) e di peso medio intorno ai 2,5 kg. Hanno, quindi, simulato in laboratorio gli effetti di un sonnellino sul seggiolino auto, rilevando che dopo circa 30 minuti la quantità di ossigeno nel sangue dei bimbi risultava diminuita in modo significativo, mentre la frequenza cardiaca era aumentata. Problemi respiratori – da cui deriva la diminuita ossigenazione sanguigna e l’aumento della frequenza cardiaca – che possono essere accentuati dal fatto che i muscoli del collo in bambini così piccoli non sono in grado di sorreggere la testa in modo appropriato.

Percorsi brevi

Un modo per evitare che questo accada, spiegano gli autori, non c’è. L’unica soluzione sarebbe quella di evitare di viaggiare in auto con bambini così piccoli. Se si è proprio costretti a farlo, limitarsi a effettuare percorsi brevi che non superino la mezz’ora, e fare in modo che in auto di fianco al seggiolino su cui è posizionato il piccolo ci sia sempre un adulto a controllare che respiri bene.

 

 

 
 
 

lo sapevi che?

Nel 2017 l’attuale normativa europea sui seggiolini auto cambierà e comporterà conseguenze per tutte le normative attualmente in vigore (R44/04 e R129 o “i-Size”).

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Bimbo ostile allo svezzamento

Quando un bambino rifiuta con ostinazione le prime pappe e qualsiasi altro alimento diverso dal latte, occorre giocare d'astuzia (armandosi di infinta pazienza).   »

Bimba che di notte si sveglia spesso

I disturbi del sonno possono essere ben controllati con la pratica del co-sleepeeng, che consiste nel far dormire il bambino "accanto ai genitori", ma non nello stesso letto.   »

In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti