Neonati a tre mesi comprendono le relazioni astratte

Roberta Camisasca A cura di Roberta Camisasca Pubblicato il 20/02/2019 Aggiornato il 20/02/2019

Utili le informazioni sulla percezione visiva dei neonati a tre mesi: se estesa a oggetti, persone e azioni svolte nel mondo reale, potrebbe dare indicazioni sui modelli di apprendimento visivo in tenerissima età

Neonati a tre mesi comprendono le relazioni astratte

I neonati a tre mesi potrebbero essere già in grado di comprendere le relazioni astratte tra idee e oggetti. Lo ipotizza uno studio della Northwestern University di Evanston (Stati Uniti). Teorie recenti hanno suggerito che la facilità con cui gli esseri umani apprendono le relazioni – la capacità di fare confronti tra oggetti, eventi o idee – potrebbe rappresentare la principale differenza tra le nostre abilità mentali e quelle degli altri animali. Anche se alcuni primati non umani possono imparare le relazioni astratte, per riuscirci devono seguire un ampio addestramento, che a volte richiede migliaia di prove.

Coppie di giocattoli

Gli autori hanno mostrato a un gruppo di neonati a tre mesi diverse coppie di giocattoli. Alla metà sono state fatte vedere giochi uguali (come due pupazzi), mentre all’altra metà giocattoli diversi (come un pupazzo e un cubo rosa). Per testare il loro livello di apprendimento delle relazioni astratte tra gli oggetti, gli studiosi hanno misurato il tempo che ciascun bimbo dedicava a osservare le coppie. Poi hanno mostrato ai piccoli coppie di giocattoli diverse rispetto all’inizio, scoprendo che i bambini hanno osservato per più tempo e con maggiore attenzione la relazione “non familiare” tra gli oggetti, ossia quella che non avevano osservato prima. Secondo gli esperti, questi risultati suggeriscono che i neonati a tre mesi sono in grado di comprendere le relazioni astratte che esistono tra gli oggetti. Se non fosse stato così, spiegano, i piccoli non avrebbero mostrato sorpresa o interesse per le coppie che risultavano diverse da quelle osservate prima.

Le conclusioni degli esperti

Se i bambini avessero appreso solo le coppie mostrate loro, ma non la relazione esistente tra i giocattoli, non avrebbero dovuto notare differenze nelle nuove coppie di giocattoli. Invece i piccoli guardavano più a lungo le coppie che presentavano la relazione non familiare, mostrando di essere stati in grado di comprendere i rapporti astratti dopo soltanto sei prove.

 

 

Da sapere!

I risultati di questa ricerca costituiscono la prima dimostrazione dell’apprendimento astratto negli esseri umani.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Non sento il bimbo muoversi: perché?

09/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Fino alla 23ma settimana di gravidanza può essere difficile sentire i movimenti del bambino, ma di qui a poco si riusciranno a percepire in modo inequivocabile.   »

HPV ad alto rischio oncogeno: come avviene il contagio?

03/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

La trasmissione del Papilloma virus responsabile del carcinoma della cervice avviene quasi esclusivamente per via sessuale.   »

Vaccinazione anti-rotavirus: la ricerca dice sì, senza alcun dubbio sì

27/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Gli ultimi studi compiuti in modo serio e rigoroso sulla vaccinazione antirotavirus hanno evidenziato che si tratta di uno strumento più che sicuro (e prezioso) per la salvaguardia della salute dei piccolini.  »

Fai la tua domanda agli specialisti