Movimenti ed espressioni del neonato – 4°mese

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 13/01/2015 Aggiornato il 28/01/2015

Aumentano le espressioni del viso e le modalità comunicative. Durante il quarto mese il bimbo sorride e piange meno

Movimenti ed espressioni del neonato – 4°mese

Comincia a esplorare il mondo anche con le mani

Iniziano a svilupparsi i movimenti fini delle mani, cioè la capacità del piccolo di utilizzare anche 
le dita. Anche se i movimenti sono ancora abbastanza grossolani, il piccolo comincia a esplorare il mondo non solo con lo sguardo ma anche con il tatto: per esempio, alza la mano se vede un oggetto nel suo campo visivo e guarda alternativamente ora l’oggetto, ora la sua mano, anche se non c’è ancora un movimento finalizzato; in alcuni casi prova anche a diminuire gradualmente la distanza tra la mano e l’oggetto fino a toccarlo.

Sorride se qualcuno gli sorride

Il bambino piange meno di prima: inizia, infatti, a usare modalità comunicative diverse dal pianto, come le espressioni del viso. Per esempio, manifesta l’espressione dubbiosa, corrucciata, dispiaciuta o quella che preannuncia il pianto. Sa interagire meglio con le persone: sorride quando qualcuno gli sorride e sa ridere di gusto. Anche il gioco facilita l’interazione con il bambino, che mostra sempre più interesse per l’ambiente esterno. Questo indica che il piccolo sta iniziando a uscire da una fase di simbiosi con la mamma. C’è quindi un primo “distacco” dalla figura materna e una prima percezione del resto del mondo che prima era ignorato.

La maggiore interazione con il mondo è motivata anche da un miglioramento visivo netto: ora il bambino vede tutti i colori.

Comincia a ripetere i suoni più semplici.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Intolleranza al latte in bimba di due anni: c’è da dubitarne!

22/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

A due anni di età non è nemmeno da ipotizzare un'intolleranza al latte quindi è lecito dubitare di una simile diagnosi.   »

Nonna che svaluta i genitori: che fare?

18/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Non si possono tollerare gli atteggiamenti prevaricatori dei nonni (né di altri parenti che si occupano dei bambini): in caso contrario si espongono i figli a vari rischi.   »

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Fai la tua domanda agli specialisti