Movimenti ed espressioni del neonato – 4°mese

Aumentano le espressioni del viso e le modalità comunicative. Durante il quarto mese il bimbo sorride e piange meno

Comincia a esplorare il mondo anche con le mani

Iniziano a svilupparsi i movimenti fini delle mani, cioè la capacità del piccolo di utilizzare anche 
le dita. Anche se i movimenti sono ancora abbastanza grossolani, il piccolo comincia a esplorare il mondo non solo con lo sguardo ma anche con il tatto: per esempio, alza la mano se vede un oggetto nel suo campo visivo e guarda alternativamente ora l’oggetto, ora la sua mano, anche se non c’è ancora un movimento finalizzato; in alcuni casi prova anche a diminuire gradualmente la distanza tra la mano e l’oggetto fino a toccarlo.

Sorride se qualcuno gli sorride

Il bambino piange meno di prima: inizia, infatti, a usare modalità comunicative diverse dal pianto, come le espressioni del viso. Per esempio, manifesta l’espressione dubbiosa, corrucciata, dispiaciuta o quella che preannuncia il pianto. Sa interagire meglio con le persone: sorride quando qualcuno gli sorride e sa ridere di gusto. Anche il gioco facilita l’interazione con il bambino, che mostra sempre più interesse per l’ambiente esterno. Questo indica che il piccolo sta iniziando a uscire da una fase di simbiosi con la mamma. C’è quindi un primo “distacco” dalla figura materna e una prima percezione del resto del mondo che prima era ignorato.

La maggiore interazione con il mondo è motivata anche da un miglioramento visivo netto: ora il bambino vede tutti i colori.

Comincia a ripetere i suoni più semplici.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Fontanella quasi chiusa a sei mesi: è un brutto segno?

La (quasi) chiusura della fontanella a sei mesi di età non è un segno allarmante, se lo sviluppo neurologico è normale e la crescita della circonferenza cranica regolare.   »

Tampone vaginale positivo allo streptococco al termine della gravidanza

Può accadere che in prossimità del parto il tampone vaginale rilevi la presenza dell'infezione. In questo caso, all'inizio del travaglio viene praticata la profilassi antibitica per evitare che il bambino venga contagiato al momento della nascita.   »

Influenza in gravidanza: è pericolosa?

Ci possono essere dei rischi, se l'influenza viene contratta nelle prime settimane di gravidanza, a causa della febbre. Nel secondo e nel terzo trimestre è improbabile che il bambino corra particolari pericoli. In generale, è sempre opportuno che una donna in attesa effettui la vaccinazione antiinfluenzale....  »

Fai la tua domanda agli specialisti