Movimenti ed attività di nostro figlio – 5°mese

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 13/01/2015 Aggiornato il 28/01/2015

Il bambino interagisce con le persone e con gli oggetti, sorride e si diverte a lanciare oggetti o a giocare con le altre persone (gioco del cucù)

Movimenti ed attività di nostro figlio – 5°mese

Prende gli oggetti e si diverte a lanciarli lontano per esempio, se butta un giocattolo a terra, all’inizio pensa di averlo perso, ma se qualcuno lo raccoglie e glielo porta, si mostra sorpreso e contento, e tenterà di ripetere il gesto di lanciarlo. Il fatto di prendere un oggetto e lanciarlo è un gioco che a cinque mesi diverte moltissimo il bambino, come anche il gioco del cucù: la mamma può coprire il suo viso con le mani e poi mostrarlo all’improvviso riaprendo di nuovo i palmi, oppure si possono nascondere degli oggetti e poi farli riapparire. La sorpresa del bambino sta proprio nel rivedere una persona o un oggetto che prima era scomparso dal suo campo visivo.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Escursione a 1650 metri: si può portare un bambino?

13/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un bimbo di tre anni può avere problemi di adattamento se viene portato ad altitudini superiori ai 2500-3000 metri.  »

Il Sars-CoV-2 può rendere sterile il mio bambino?

13/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Che l'infezione causata dal nuovo coronavirus possa provocare infertilità maschile è solo un'ipotesi non dimostrata.   »

A due anni perché non parla ancora?

12/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Daniela Biatta

Fino ai tre anni di età, una volta esclusi deficit di qualsiasi natura, si può ipotizzare la non grave condizione di "parlatore tardivo"  »

Fai la tua domanda agli specialisti