Lo sviluppo del cervello del bambino è rapidissimo

A tre mesi i bambini sanno fare ancora poco. Eppure, sembra che lo sviluppo del loro cervello sia già a un buonissimo punto. Ecco quale

Agli occhi di mamma e papà, i bebè appaiono come creature speciali e intelligentissime fin dalla nascita. Anche loro, però, per quanto innamorati, non possono negare che nei primi mesi le capacità dei bambini siano limitate. Eppure, dopo solo 90 giorni di vita lo sviluppo del cervello del bambino ha già raggiunto un traguardo importante: è grande la metà di un organo adulto. Questa, perlomeno, è la conclusione cui è giunto uno studio condotto da un team di ricercatori statunitensi, dell’università di San Diego, pubblicato sulla rivista Jama Neurology.

Analizzati più di 80 neonati

La ricerca ha riguardato 84 bambini. Tutti sono stati sottoposti a diverse risonanze magnetiche cerebrali a partire dai due giorni di vita. Lo scopo era capire meglio come e a quale ritmo avviene lo sviluppo del cervello del bambino nelle prime settimane di vita.

A tre mesi il cervello è grande la metà di uno adulto

Dall’analisi dei risultati è emerso che a dispetto di quanto pensino in molti lo sviluppo del cervello del bambino è molto rapido. Infatti, mediamente, alla nascita il cervello ha un volume di 341 centimetri cubi, mentre a tre mesi il volume è pari a 558 centimetri cubi. Considerando che il cervello di un adulto ha un volume compreso fra i 1.000 e i 1.300 centimetri cubi, significa che il cervello di un bimbo di tre mesi ha dimensioni importanti: è grande all’incirca la metà di un organo maturo.

Il ritmo di crescita giornaliero

Non solo. Gli studiosi hanno visto che nei primi 90 giorni di vita il cervello aumenta dell’1% circa ogni giorno, mentre superato questo periodo, la crescita rallenta, assestandosi intorno allo 0,4% giornaliero. È nelle prime settimane, dunque, che si completa gran parte della maturazione.

Che cosa succede nei prematuri

Infine, l’osservazione delle oltre 200 risonanze magnetiche cerebrali effettuate ha svelato che nei bambini prematuri il cervello segue uno sviluppo diverso. Basti pensare che nei piccoli che nascono con una sola settimana di anticipo rispetto al termine previsto, il cervello è più piccolo addirittura del 5% rispetto alla media. È vero che il gap si riduce velocemente, ma comunque a tre mesi di vita è presente una differenza significativa, pari al 2%. “Questo potrebbe voler dire che far nascere prematuramente un bambino può avere implicazioni nello sviluppo neurologico” hanno spiegato gli esperti. Ovviamente, più la nascita avviene in anticipo e più le differenze di dimensione del cervello sono significative. 

In breve

I CONSIGLI PER I GENITORI

Lo sviluppo del cervello del bebè è un processo che non si può controllare dall’esterno. Indubbiamente, però, mostrarsi attenti e premurosi con il piccolo, stabilire un contatto emotivo e fisico con lui fin dai primi giorni, fare il possibile per rispondere alle sue esigenze sono tutti comportamenti utili. 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Fontanella quasi chiusa a sei mesi: è un brutto segno?

La (quasi) chiusura della fontanella a sei mesi di età non è un segno allarmante, se lo sviluppo neurologico è normale e la crescita della circonferenza cranica regolare.   »

Tampone vaginale positivo allo streptococco al termine della gravidanza

Può accadere che in prossimità del parto il tampone vaginale rilevi la presenza dell'infezione. In questo caso, all'inizio del travaglio viene praticata la profilassi antibitica per evitare che il bambino venga contagiato al momento della nascita.   »

Influenza in gravidanza: è pericolosa?

Ci possono essere dei rischi, se l'influenza viene contratta nelle prime settimane di gravidanza, a causa della febbre. Nel secondo e nel terzo trimestre è improbabile che il bambino corra particolari pericoli. In generale, è sempre opportuno che una donna in attesa effettui la vaccinazione antiinfluenzale....  »

Fai la tua domanda agli specialisti