Risonanza magnetica a 6 mesi rivela il rischio autismo?

La risonanza magnetica a 6 mesi di vita potrebbe individuare il rischio che il bambino possa successivamente soffrire di disturbi dello spettro autistico. Esistono però anche altri esami

Una ricerca condotta da un gruppo di scienziati dell’Università della Carolina del Nord ha permesso di osservare che il cervello dei piccoli che svilupperanno l’autismo presenta delle differenze, strutturali e  anatomiche, rispetto a quello degli altri bambini che non saranno colpiti dal disturbo. Da qui l’idea che la risonanza magnetica a 6 mesi di vita possa evidenziare il rischio di autismo, permettendo un intervento precoce che, in quanto tale, risulta anche più efficace.

Di origine genetica

La ricerca ha preso in considerazione 59 lattanti ad alto rischio di sviluppare il disturbo, perché con un fratello colpito dal disturbo influenzato dalla genetica. Il cervello analizzato con risonanza magnetica a 6 mesi ha permesso di escludere con sicurezza la malattia in ben 48 bambini: previsione confermata a distanza di due anni. Mentre i restanti 11 bambini hanno manifestato i sintomi dell’autismo al compimento (circa) dei 24 mesi, proprio secondo quanto previsto dalla risonanza magnetica a 6 mesi.

Il parere del pediatra

“I risultati di questa ricerca non devono certo suggerire che sia opportuno sottoporre, a scopo predittivo, tutti i neonati alla risonanza magnetica – afferma il dottor Leo Venturelli, pediatra di famiglia – . Ma attualmente l’indagine non è suggerita neppure per i piccoli a rischio per familiarità. Di fatto, è ancora troppo presto per dire se la scoperta troverà applicazione su larga scala. Va detto, però, che esiste un’indagine molto semplice che può indurre il sospetto di un autismo, prima del compimento dell’anno di vita. Si tratta della misurazione della circonferenza cranica, che nei bambini che potrebbero andare incontro al disturbo aumenta più rapidamente rispetto alla media. Si tratta comunque di un segno aspecifico, cioè va confrontato con altre eventuali manifestazioni anomale e che, da solo, non autorizza certo a fare diagnosi”.    

 

 

 
 
 

Lo sapevi che?

I neonati che svilupperanno autismo possono essere per la maggior parte del tempo irrequieti, irritabili e possono avere difficoltà ad addormentarsi.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Fontanella quasi chiusa a sei mesi: è un brutto segno?

La (quasi) chiusura della fontanella a sei mesi di età non è un segno allarmante, se lo sviluppo neurologico è normale e la crescita della circonferenza cranica regolare.   »

Tampone vaginale positivo allo streptococco al termine della gravidanza

Può accadere che in prossimità del parto il tampone vaginale rilevi la presenza dell'infezione. In questo caso, all'inizio del travaglio viene praticata la profilassi antibitica per evitare che il bambino venga contagiato al momento della nascita.   »

Influenza in gravidanza: è pericolosa?

Ci possono essere dei rischi, se l'influenza viene contratta nelle prime settimane di gravidanza, a causa della febbre. Nel secondo e nel terzo trimestre è improbabile che il bambino corra particolari pericoli. In generale, è sempre opportuno che una donna in attesa effettui la vaccinazione antiinfluenzale....  »

Fai la tua domanda agli specialisti