Risonanza magnetica a 6 mesi rivela il rischio autismo?

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 04/08/2017 Aggiornato il 04/08/2017

La risonanza magnetica a 6 mesi di vita potrebbe individuare il rischio che il bambino possa successivamente soffrire di disturbi dello spettro autistico. Esistono però anche altri esami

Risonanza magnetica a 6 mesi rivela il rischio autismo?

Una ricerca condotta da un gruppo di scienziati dell’Università della Carolina del Nord ha permesso di osservare che il cervello dei piccoli che svilupperanno l’autismo presenta delle differenze, strutturali e  anatomiche, rispetto a quello degli altri bambini che non saranno colpiti dal disturbo. Da qui l’idea che la risonanza magnetica a 6 mesi di vita possa evidenziare il rischio di autismo, permettendo un intervento precoce che, in quanto tale, risulta anche più efficace.

Di origine genetica

La ricerca ha preso in considerazione 59 lattanti ad alto rischio di sviluppare il disturbo, perché con un fratello colpito dal disturbo influenzato dalla genetica. Il cervello analizzato con risonanza magnetica a 6 mesi ha permesso di escludere con sicurezza la malattia in ben 48 bambini: previsione confermata a distanza di due anni. Mentre i restanti 11 bambini hanno manifestato i sintomi dell’autismo al compimento (circa) dei 24 mesi, proprio secondo quanto previsto dalla risonanza magnetica a 6 mesi.

Il parere del pediatra

“I risultati di questa ricerca non devono certo suggerire che sia opportuno sottoporre, a scopo predittivo, tutti i neonati alla risonanza magnetica – afferma il dottor Leo Venturelli, pediatra di famiglia – . Ma attualmente l’indagine non è suggerita neppure per i piccoli a rischio per familiarità. Di fatto, è ancora troppo presto per dire se la scoperta troverà applicazione su larga scala. Va detto, però, che esiste un’indagine molto semplice che può indurre il sospetto di un autismo, prima del compimento dell’anno di vita. Si tratta della misurazione della circonferenza cranica, che nei bambini che potrebbero andare incontro al disturbo aumenta più rapidamente rispetto alla media. Si tratta comunque di un segno aspecifico, cioè va confrontato con altre eventuali manifestazioni anomale e che, da solo, non autorizza certo a fare diagnosi”.    

 

 

 
 
 

Lo sapevi che?

I neonati che svilupperanno autismo possono essere per la maggior parte del tempo irrequieti, irritabili e possono avere difficoltà ad addormentarsi.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Bimbo ostile allo svezzamento

Quando un bambino rifiuta con ostinazione le prime pappe e qualsiasi altro alimento diverso dal latte, occorre giocare d'astuzia (armandosi di infinta pazienza).   »

Bimba che di notte si sveglia spesso

I disturbi del sonno possono essere ben controllati con la pratica del co-sleepeeng, che consiste nel far dormire il bambino "accanto ai genitori", ma non nello stesso letto.   »

In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti