Sviluppo psicofisico del neonato – 6° mese

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 13/01/2015 Aggiornato il 28/01/2015

Continuano a cambiare le abitudini del bambino. Ormai dorme quasi tutta la notte, la vista è migliorata e riesce a mettersi seduto da solo, anche se barcolla di tanto in tanto

Sviluppo psicofisico del neonato – 6° mese

A partire da questo mese, il bambino riesce a mettersi seduto e a restare in questa posizione anche senza appoggio, sebbene a volte barcolli un po’; è capace comunque di tenere la testa eretta.

Se sdraiato a pancia in giù, è in grado di allungarsi per afferrare un oggetto.

Sa giocare con le mani e con i piedi contemporaneamente.

Si perfeziona il meccanismo della deglutizione, che richiede l’utilizzo coordinato di numerosi muscoli e costituisce la premessa per proseguire in maniera efficace lo svezzamento. Per far accettare il cucchiaino al piccolo, la mamma deve introdurlo nella sua bocca in modo da spingerlo nella metà posteriore della lingua.

Gli occhi sono in grado di fissarsi su un oggetto, sia immobile sia in movimento. Tale capacità può essere facilmente valutata osservando lo sguardo e le reazioni del piccolo dopo aver attratto la sua attenzione verso un corpo colorato o luminoso: gli occhi tenderanno a focalizzarsi sull’oggetto o su un suo dettaglio, mentre il collo e gli arti si muoveranno nel tentativo di avvicinarsi il più possibile e di afferrare l’oggetto.

La vista è migliorata e il piccolo riesce ormai a distinguere le sfumature tra i colori; sviluppa il senso di profondità e di tridimensionalità.

È possibile notare un aumento delle masse muscolari e della forza del piccolo, di cui anche la mamma può rendersi conto quando, per esempio, vuole sottrargli un giochino che lui stringe tenacemente.

Le fasi di sonno e di veglia sono quasi del tutto stabilizzate e il piccolo dorme ormai quasi tutta la notte.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo di tre anni con attacchi di rabbia: che fare?

04/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Pazienza, comprensione, disponibilità, affetto sono gli ingredienti che aiutano a contrastare le crisi di rabbia di un bimbo di tre anni. Ma comprendere la ragione di certe intemperanze è altrettanto importante.   »

HPV ad alto rischio oncogeno: come avviene il contagio?

03/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

La trasmissione del Papilloma virus responsabile del carcinoma della cervice avviene quasi esclusivamente per via sessuale.   »

Vaccinazione anti-rotavirus: la ricerca dice sì, senza alcun dubbio sì

27/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Gli ultimi studi compiuti in modo serio e rigoroso sulla vaccinazione antirotavirus hanno evidenziato che si tratta di uno strumento più che sicuro (e prezioso) per la salvaguardia della salute dei piccolini.  »

Fai la tua domanda agli specialisti