Controlli e visita del neonato dal pediatra – 7° mese

Il settimo mese è importante per controllare la crescita in altezza e peso del piccolo. Vengono esaminati anche udito e vista

Il settimo mese può essere considerato un periodo di transizione e l’assenza di vaccinazioni da eseguire fa sì che non sia previsto tassativamente un controllo medico. A prescindere da problemi specifici, è importante controllare almeno la crescita in altezza e peso e fare in modo che il bambino sia sottoposto a un bilancio di salute completo tra il settimo e il nono mese. In ogni caso, l’elemento che più caratterizza questo periodo è lo sviluppo psicosensoriale. Per quanto riguarda la vista, come si è detto, il primo controllo è utile dopo il sesto mese. Allo stesso modo l’udito merita attenzione verso il settimo-ottavo mese in quanto una percezione alterata dei suoni, e in particolare della voce, comporta nel lungo termine seri problemi allo sviluppo del linguaggio. Un semplice test che qualsiasi genitore può fare consiste nel verificare il riconoscimento della propria voce e dei rumori da parte del bimbo: nel primo caso il movimento del capo verso la sorgente sonora fornisce una conferma importante; nel secondo risposte improvvise come un sobbalzo, la contrazione degli arti o il pianto denotano una reazione di spavento legata alla percezione di un rumore insolito.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Fontanella quasi chiusa a sei mesi: è un brutto segno?

La (quasi) chiusura della fontanella a sei mesi di età non è un segno allarmante, se lo sviluppo neurologico è normale e la crescita della circonferenza cranica regolare.   »

Tampone vaginale positivo allo streptococco al termine della gravidanza

Può accadere che in prossimità del parto il tampone vaginale rilevi la presenza dell'infezione. In questo caso, all'inizio del travaglio viene praticata la profilassi antibitica per evitare che il bambino venga contagiato al momento della nascita.   »

Influenza in gravidanza: è pericolosa?

Ci possono essere dei rischi, se l'influenza viene contratta nelle prime settimane di gravidanza, a causa della febbre. Nel secondo e nel terzo trimestre è improbabile che il bambino corra particolari pericoli. In generale, è sempre opportuno che una donna in attesa effettui la vaccinazione antiinfluenzale....  »

Fai la tua domanda agli specialisti