Sviluppo corporeo del neonato – 8° mese

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 13/01/2015 Aggiornato il 28/01/2015

Durante l'ottavo mese il bambino comincia a gattonare per spostarsi e a tenersi in piedi con il giusto appoggio

Sviluppo corporeo del neonato – 8° mese

A partire dagli otto mesi circa, il bambino, che dallo scorso mese ha imparato a strisciare, comincia a sorreggersi sui quattro arti per gattonare. Quasi tutti i bambini gattonano, ma non si tratta di una tappa obbligatoria dello sviluppo: alcuni piccoli, infatti, impareranno a camminare saltando il “gattonaggio”.

Il bambino inizia a tenersi in piedi, in posizione eretta, se si appoggia a un sostegno, come un divano, o se viene sorretto da un adulto.

Grazie al fatto che ha acquisito un’aumentata capacità di movimento, il piccolo cerca ora di afferrare oggetti anche lontani. Aumenta cioè sempre di più il desiderio, ma anche la capacità, di spostarsi nello spazio.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Menarca in bimba di 9 anni: crescerà ancora?

17/01/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non è così automatico che l'arrivo della prima mestruazione segni la fine della crescita in altezza.   »

Anticorpi: con che quantità si può rinviare la seconda o la terza dose?

17/01/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Fabrizio Pregliasco

A oggi non è ancora stato stabilito quale valore relativo agli anticorpi assicuri una copertura tale da consentire di rimandare (o, peggio, evitare) la vaccinazione.   »

Bimbo difficile, mamma esasperata

11/01/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Può essere davvero emotivamente insostenibile gestire un bambino che urla e piange ogni volta che ci si allontana. Ma la soluzione ci può essere.   »

Fai la tua domanda agli specialisti