Comportamento del Neonato – 9° mese

Il piccolo cerca sempre più stimoli con cui entrare in contatto. Si allontana dalla madre, ma poi torna subito da lei

Nell’ottavo mese si era verificata la delicata fase dell’ “angoscia da abbandono”, caratterizzata dal fatto che il piccolo si dispera ogni volta che vede la mamma allontanarsi da lui. Durante il nono mese questa situazione va lentamente risolvendosi e inizia la fase di differenziazione dalla figura materna. Il piccolo comincia a distinguere il suo corpo da quello della madre, con la quale cerca meno il contatto perché acquisisce sempre più autonomia e percepisce il corpo della mamma come qualcosa di estraneo da sé.

La lenta conquista dell’autonomia rappresenta una fase delicata, che ha conseguenze nel piccolo. In alcuni bimbi si manifesta con grande irrequietezza: per esempio, non finiscono i giochi che cominciano perché si stancano presto. Ciò avviene perché hanno bisogno di molti stimoli in assenza della mamma per compensare le sue coccole. Si tratta di un atteggiamento normale che, in genere, ha carattere transitorio e si risolve da sé.

In questa fase, inoltre, il bimbo si muove con curiosità nello spazio, ma tende a tornare sempre dalla mamma, perché ha bisogno di “rifornirsi” da lei di affetto e sicurezza. Psico-lo-gicamente cerca nella mamma la fiducia per staccarsi da lei.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Fontanella quasi chiusa a sei mesi: è un brutto segno?

La (quasi) chiusura della fontanella a sei mesi di età non è un segno allarmante, se lo sviluppo neurologico è normale e la crescita della circonferenza cranica regolare.   »

Tampone vaginale positivo allo streptococco al termine della gravidanza

Può accadere che in prossimità del parto il tampone vaginale rilevi la presenza dell'infezione. In questo caso, all'inizio del travaglio viene praticata la profilassi antibitica per evitare che il bambino venga contagiato al momento della nascita.   »

Influenza in gravidanza: è pericolosa?

Ci possono essere dei rischi, se l'influenza viene contratta nelle prime settimane di gravidanza, a causa della febbre. Nel secondo e nel terzo trimestre è improbabile che il bambino corra particolari pericoli. In generale, è sempre opportuno che una donna in attesa effettui la vaccinazione antiinfluenzale....  »

Fai la tua domanda agli specialisti