Come proteggere bambini e neonati dal sole? I consigli

Alberta Mascherpa A cura di Alberta Mascherpa Pubblicato il 14/06/2022 Aggiornato il 16/06/2022

I piccoli possono diventare amici dei raggi solari purché le mamme sappiano come proteggerli adeguatamente. Ecco i consigli da adottare e i prodotti da utilizzare per proteggere i bambini dal sole

proteggere i bambini dal sole con un solare ad alta protezione

L’estate è la stagione che i bimbi amano di più… soprattutto per la possibilità che offre loro di stare all’aperto, immersi nel verde e nel sole. Proprio il sole, però, rappresenta il tasto dolente della bella stagione. Perché va preso con grande cautela e sempre con le dovute precauzioni e protezioni. Ecco i dieci consigli del dermatologo per poter permettere ai piccoli di stare al sole senza correre rischi. Ecco come proteggere i bambini dal sole con i consigli del professor Leonardo Celleno, dermatologo a Roma e presidente dell’Associazione italiana dermatologia e cosmetologia (Aideco).

Come far prendere il sole ai neonati?

Fino ai sei mesi di vita è fondamentale proteggere i bambini dal sole e l’esposizione diretta ai raggi solari è da evitare totalmente. I neonati, infatti, non hanno ancora sviluppato i naturali meccanismi di protezione dai possibili danni provocati dal sole. Hanno una pelle sottile, fragile e indifesa: i melanociti, le cellule che producono melanina, sono immaturi e incapaci di sviluppare l’abbronzatura, che poi è lo scudo naturale contro il sole. Attenzione anche al riverbero solare sia al mare sia in montagna: neppure l’ombrellino della carrozzina li protegge a dovere. Meglio allora tenerli all’ombra e portarli a spasso solo nelle ore più fresche della giornata, al mattino presto o nel tardo pomeriggio.

Che protezione solare usare per i bambini?

Il sistema di difesa della cute non è ancora del tutto sviluppato nei bambini che vanno, quindi, sempre protetti quando stanno al sole con una crema solare schermante che eviti eritemi e scottature. Oltre che nell’immediato, le ustioni solari rappresentano un insulto di cui la pelle conserva memoria anche negli anni a venire: è stato verificato, infatti, che i bambini che hanno subito scottature nell’infanzia sono maggiormente soggetti allo sviluppo di tumori della pelle in età adulta.

Ogni membro della famiglia dovrebbe avere un solare personale. E questo vale in modo particolare per i piccoli che hanno una cute particolarmente delicata e fragile e, quindi, hanno bisogno di formule protettive studiate per le loro esigenze. I solari per i bimbi sono caratterizzati, per esempio, da un sistema schermante alto (Spf 50) realizzato con filtri fisici costituiti da minuscole particelle minerali che riflettono i raggi solari, impedendo loro di raggiungere l’epidermide.  I solari per adulti, invece, contengono in genere filtri chimici che possono dare maggiori reazioni sulla pelle delicata dei bambini. I solari dei più piccoli hanno anche una buona resistenza all’acqua e al sudore e sono di facile utilizzo per semplificare al massimo alle mamme il compito dell’applicazione. Nei solari per i bambini la presenza di sostanze potenzialmente allergizzanti, come il profumo, è ridotta al massimo, mentre sono presenti principi attivi addolcenti e lenitivi come l’aloe, il pantenolo (vitamina B5), l’acqua termale e il bisabololo (calmante estratto dalla camomilla).

Come mettere la crema solare ai bambini?

Per proteggere i bambini dal sole scegliere i solari giusti non basta. Occorre anche usarli bene. Il che vuol dire applicarli preferibilmente già prima di uscire di casa, su tutto il corpo, comprese le orecchie, il collo del piede, la parte appena sotto il costume (che rischia di scottarsi se il tessuto si sposta mentre il bimbo gioca) e dietro le gambe. Le formulazioni in spray sono veloci da applicare, anche se il bimbo non sta fermo, e raggiungono ogni parte del corpo. Nessun timore, poi, ad abbondare: solo una dose piuttosto generosa riesce a proteggere davvero al meglio.

Per offrire alla pelle la giusta protezione è importante che le mamme rinnovino l’applicazione del solare ogni due ore circa e sempre dopo il bagno perché, anche se il prodotto è resistente all’acqua, perde comunque di efficacia soprattutto se l’immersione è prolungata. La protezione solare va usata anche quando la pelle comincia a colorarsi per evitare un sovradosaggio di raggi che, accumulandosi negli anni, possono provocare seri danni all’organismo.

Tenere il piccolo sotto l’ombrellone non lo mette del tutto al riparo dai rischi del sole per via delle radiazioni riflesse. Anche se sta sotto l’ombrellone, quindi, va protetto con un solare. Ancora di più va protetto quando è in acqua o gioca con la sabbia chiara perché il riflesso intensifica la potenza dei raggi, aumentando il rischio di scottature.

Quando esporre i bambini al sole?

Anche se protetti con un solare, i bambini non dovrebbero mai stare al sole dalle dodici alle sedici, quando i raggi del sole sono più diretti e quindi più pericolosi. La precauzione vale in modo particolare per i più piccoli che, oltre ai danni del sole, possono soffrire il caldo, visto che il loro sistema di termoregolazione, ancora immaturo, non permette un’adeguata traspirazione necessaria per disperdere il calore.

A cosa serve il latte dopo sole?

Le formulazioni specifiche per l’infanzia sono studiate apposta per alleviare la sensazione di calore, irritazioni e rossori dopo una giornata al sole, al mare e al caldo. Il doposole, poi, apporta idratazione alla cute e l’aiuta a mantenersi morbida. Va messo in dose generosa dopo la doccia serale, che deve essere accurata proprio perché serve a eliminare sudore, residui di sabbia e di solari che potrebbero irritare ulteriormente la pelle.

 

 

 

 

 
 
 

In sintesi

La protezione solare va usata solo al mare?

Assolutamente no! La protezione solare non serve solo al mare, ma in tutte le condizioni di esposizione. In montagna, innanzitutto, perché l’altitudine aumenta la potenza, e quindi la pericolosità, dei raggi, ma anche in campagna, al lago, in piscina e in città.

Come proteggere la testa e gli occhi dal sole?

È indispensabile anche il cappellino per evitare al piccolo un colpo di calore, meglio ancora se con la visiera per evitare danni agli occhi. Altro accessorio indispensabile sono, al riguardo, gli occhiali da sole raccomandati a partire dai due anni.

Come curare l’eritema solare nei bambini?

La comparsa di eritema segnala che la pelle del bimbo sta reagendo a un’eccessiva esposizione solare. In questo caso occorre intervenire tempestivamente applicando sulla pelle un doposole o comunque un trattamento a base di sostanze lenitive, idratanti e rinfrescanti come la calendula, l’aloe, il bisabololo, la malva e l’acido glicirretico ricavato dalla liquirizia. Fondamentale poi sospendere l’esposizione al sole finché l’eritema non è rientrato.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

A letto da un mese per un distacco amniocoriale (eppure non serve, anzi)

01/07/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Il riposo assoluto a letto in caso di "distacco" non solo è inutile per assicurare una buona evoluzione della gravidanza, ma può addirittura rivelarsi controproducente in quanto può aprire la strada al rischio di trombosi a livello degli arti inferiori.   »

Sono incinta e non sono immune alla rosolia: è pericoloso fare il vaccino a mio figlio?

28/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

Nessuno studio ha mai evidenziato che un bimbo subito dopo essere stato vaccinato contro la rosolia possa trasmetterla. Di conseguenza, anche in gravidanza non si rischia nulla se si hanno contatti con un bambino appena vaccinato.  »

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti