Dermatite atopica: sintomi e cure della malattia pediatrica più comune

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 15/09/2014 Aggiornato il 15/09/2014

La dermatite atopica è in crescita ed è la malattia cutanea più comune nei bambini. Ecco come riconoscerla e curarla

Dermatite atopica: sintomi e cure della malattia pediatrica più comune

La dermatite atopica è una malattia della pelle in costante crescita nei bambini, per ragioni ancora da identificare. Si tratta, infatti, del problema cutaneo più comune in età pediatrica. Ben il 20% dei bambini ne è colpito e addirittura il 90% di loro ne soffre a partire dall’età neonatale (insorgenza nel primo anno uguale all’85%) o, comunque, prima dei 5 anni di vita.

Problema difficile da trattare

La dermatite atopica è chiamata anche eczema atopico. Si tratta di una reazione (ancora tutta da chiarire) cutanea che si manifesta con sintomi ben precisi e piuttosto difficili da debellare. Infatti, questo disturbo si riconosce immediatamente ma si cura con difficoltà. I sintomi sono essenzialmente cutanei e includono lesioni più o meno ampie dell’epidermide nonché secchezza, prurito e, a volte, persino dolore acuto.

Ignote le cause

Non sono ancora del tutto note le cause che determinano la comparsa della dermatite atopica. Si ritiene, però, che sia legata a doppio filo con la predisposizione genetica e che vi siano veri e propri fattori scatenanti come smog, stress, disturbi del sonno, ansia, problemi emozionali e assunzione di alcuni farmaci. Il problema nella cura dell’eczema risiede proprio nella sua complessità delle cause e delle manifestazioni, come spiega Elena Galli, responsabile Uos Allergologia Fatebenefratelli di Roma e responsabile Commissione orticaria dermatite atopica della Siaip, Società italiana di allergologia e immunologia pediatrica.

Tanti gradi di malattia

Non tutti i casi di dermatite atopica si presentano con gli stessi sintomi e con la stessa gravità. Esistono, quindi, dei fenotipi (categorie cliniche) di dermatite atopica che comprendono un insieme di espressioni della malattia che va dal lieve al medio-grave (quando le lesioni sono molto infiammate, croniche, dolenti e predisposte a sovrainfezioni batteriche).

Disagi a scuola

Fondamentale, per comprendere il grado di gravità della dermatite atopica, è analizzarne il periodo di insorgenza. Ovvero, se l’eczema è cronico questo può determinare veri e propri disagi, anche gravi, in età prescolare e scolare. Laddove, infatti, vi sia una vita di comunità e condivisione, il bambino affetto da lesioni cutanee soffre sia a livello fisico sia, e soprattutto, dal punto di vista emotivo. La qualità della vita risulta, così, decisamente compromessa sia nel conseguimento di buoni risultati scolastici e nell’apprendimento sia nella possibilità di instaurare dinamiche e relazioni psicosociali serene e distese.

Limitare i disturbi

La dermatite atopica non si può curare del tutto ma è possibile, invece, controllarla efficacemente riducendone i sintomi e la gravità. Tra i possibili rimedi vi sono la protezione della pelle infiammata con l’utilizzo di prodotti specifici per pelli intolleranti, dal detergente alla crema idratante. In più, sono efficaci anche i farmaci antinfiammatori, corticosteroidi combinati con idratanti, ad azione locale. 

In breve

SERVE IL “SELF MANAGEMENT”

Come afferma il dottor Roberto Bernardini, presidente Siaip e direttore della Uoc di pediatria dell’ospedale San Giuseppe di Empoli, è molto importante che i bambini vengano anche educati a una sorta di “self management”, in cui riescano a far propri i passaggi essenziali della cura di sé per prevenire il manifestarsi dei sintomi e la riacutizzazione della malattia. 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti