Ernia inguinale: i sintomi per riconoscerla nei bebè

Patrizia Masini
A cura di Patrizia Masini
Pubblicato il 30/01/2019 Aggiornato il 04/02/2019

Non serve sempre il pediatra per riconoscere i sintomi dell’ernia inguinale. Ecco che cosa devono osservare i genitori

Ernia inguinale: i sintomi per riconoscerla nei bebè

I sintomi dell’ernia inguinale sono vari, ma ce n’è uno in particolare che non deve sfuggire ai neogenitori: un gonfiore al pancino quando il piccolo piange.  Si tratta, infatti, di un disturbo da non sottovalutare, perché può dare conseguenze anche serie. Per questo è importante che anche i genitori facciano attenzione e osservino se ci sono i sintomi dell’ernia inguinale. Ecco i principali sintomi dell’ernia inguinale:

Gonfiore al pancino

Nella maggior parte dei casi è durante il cambio del pannolino che ci si può accorgere di una tumefazione (gonfiore) a livello dell’inguine del bebè, che si accentua durante il pianto e la tosse, mentre diminuisce quando il piccolo si rilassa, per esempio con il biberon. Il gonfiore è posto in genere a metà dell’inguine: nei maschietti può arrivare fino allo scroto e nelle femmine fino alle grandi labbra. Questo è il segnale d’allarme più evidente e diffuso: deve sempre far insospettire e occorre parlarne al pediatra. Può essere individuato fin dai primi giorni di vita del piccolo, anche durante la medicazione del cordone ombelicale.

Irritabilità e crescita insufficiente

Al gonfiore al pancino possono essere associati, ma non è sempre così, altri sintomi più generici, quali irritabilità, inappetenza, stipsi, crescita ponderale inadeguata e dolore all’addome (come se il bimbo avesse una colica), causato dall’aumento e dalla riduzione dei visceri interessati dall’ernia.

È la fuoriuscita di un organo

L’ernia è la fuoriuscita di un viscere (un organo) o di parte di esso dalla cavità naturale che normalmente lo contiene. Compare alla nascita perché è congenita, in quanto deriva dal fatto che non si è chiuso un dotto durante la gestazione e da questo “buco” fuoriesce una piccola parte di intestino. L’unica soluzione è l’intervento chirurgico, da eseguire in day hospital. Occorre intervenire perché c’è sempre il rischio che l’ernia si “strozzi”, cioè si schiacci e provochi seri problemi al piccolo. L’ernia inguinale può bloccare anche la discesa del testicolo nello scroto (criptorchidismo). 

 
 
 

In breve

UN PROBLEMA DIFFUSO NEI PREMATURI

Si tratta di un fenomeno abbastanza frequente in età pediatrica: colpisce 1 bambino su 100, con una maggiore frequenza i prematuri (nati cioè prima della 37a settimana) a causa di uno sviluppo non perfettamente completato di tutti gli organi, e i maschietti, per ragioni ancora sconosciute.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Bimbo ostile allo svezzamento

Quando un bambino rifiuta con ostinazione le prime pappe e qualsiasi altro alimento diverso dal latte, occorre giocare d'astuzia (armandosi di infinta pazienza).   »

Bimba che di notte si sveglia spesso

I disturbi del sonno possono essere ben controllati con la pratica del co-sleepeeng, che consiste nel far dormire il bambino "accanto ai genitori", ma non nello stesso letto.   »

In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti