Giochi per bambini: differenze di genere già prima dell’anno

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 09/09/2016 Aggiornato il 09/09/2016

A 9 mesi maschi e femmine manifesterebbero già preferenze nette e diverse in fatto di giochi per bambini. Poi le cose cambiano un po'

Giochi per bambini: differenze di genere già prima dell’anno

Chi pensa che nei primi mesi di vita i bambini si comportino allo stesso modo, indifferentemente dal sesso di appartenenza, e che le differenze di genere compaiano solo con il passare degli anni, forse, dovrà ricredersi. Secondo un recente studio condotto da un team di ricercatori londinesi, della City University London e dell’Ucl (University College London), pubblicata su Infant and Child Development Child Development, infatti, a nove mesi maschi e femmine hanno già idee molto chiare e diverse, perlomeno in fatto di giochi per bambini.

Lo studio inglese

La ricerca ha coinvolto in totale 101 bambini londinesi di età compresa fra i 9 e i 32 mesi, che frequentavano quattro asili multiculturali della capitale britannica. I ricercatori li hanno divisi in tre gruppi, in relazione alla loro età: il primo comprendeva bimbi fra i 9 e i 17 mesi, il secondo bimbi dai 18 ai 24 mesi e il terzo bimbi dai 24 ai 32 mesi. In un primo momento, i piccoli partecipanti sono stati osservati mente svolgevano normali attività. In particolare, gli studiosi hanno cercato di capire con quali giochi giocassero e come. In un secondo momento, gli autori hanno messo una serie di giochi per bambini a portata di tutti e hanno invitato i piccoli a giocare con quelli che preferivano. Lo scopo era capire se i due sessi avessero un approccio diverso all’attività ludica fin dalla primissima infanzia.

Le bimbe amano anche i giochi dei maschi

L’analisi dei risultati ha confermato che, in effetti, maschi e femmine di pochi mesi hanno attitudini di gioco differenti. Nel gruppo dei piccoli, è emersa una preferenza per i giochi abitualmente associati al genere di appartenenza: le bimbe, cioè, gradivano intrattenersi soprattutto con bambole, pentolini e altri oggetti della cucina, mentre i maschietti con palle e macchinine. A sorpresa, però, queste differenze non erano presenti negli altri gruppi. Le bimbe più grandi, infatti, amavano giocare anche con i giochi dei loro coetanei maschi, mentre i maschi continuavano a giocare maggiormente con gli oggetti che nell’immaginario collettivo appartengono al loro genere.

 

 

 

In breve

IL RUOLO DEI GENITORI

Mamma e papà dovrebbero essere i primi a proporre una grande varietà di giochi ai loro figli. L’ideale è che li incentivino a giocare con oggetti diversi, non lasciando che stereotipi e luoghi comuni frenino la loro inventiva e libertà. Quindi, sì a cucine e disegni per i bimbi e a trattori e trenini per le femminucce.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Dubbi sulla lunghezza della circonferenza cranica
15/07/2019 Gli Specialisti Rispondono

La valutazione dell’andamento della crescita del cranio è un dato molto importante nel primo anno di vita e deve essere confrontato con il peso, la lunghezza e più genericamente con lo sviluppo globale del bambino.  »

Bebè con muscoli del collo deboli: che fare?
12/07/2019 Gli Specialisti Rispondono

Ci sono semplici esercizi che possono irrobustire il collo del lattante.   »

Quanto peserà il mio bambino?
21/06/2019 Gli Specialisti Rispondono

L'ecografia fornisce una stima del peso del bambino, che va considerata con prudenza in quanto il margine di errore in più o in meno è circa del 10 per cento. Indicare quanto peserà esattamente il bambino alla nascita non è dunque possibile.   »

Fai la tua domanda agli specialisti