Giochi per bambini: differenze di genere già prima dell’anno

A 9 mesi maschi e femmine manifesterebbero già preferenze nette e diverse in fatto di giochi per bambini. Poi le cose cambiano un po'

Chi pensa che nei primi mesi di vita i bambini si comportino allo stesso modo, indifferentemente dal sesso di appartenenza, e che le differenze di genere compaiano solo con il passare degli anni, forse, dovrà ricredersi. Secondo un recente studio condotto da un team di ricercatori londinesi, della City University London e dell’Ucl (University College London), pubblicata su Infant and Child Development Child Development, infatti, a nove mesi maschi e femmine hanno già idee molto chiare e diverse, perlomeno in fatto di giochi per bambini.

Lo studio inglese

La ricerca ha coinvolto in totale 101 bambini londinesi di età compresa fra i 9 e i 32 mesi, che frequentavano quattro asili multiculturali della capitale britannica. I ricercatori li hanno divisi in tre gruppi, in relazione alla loro età: il primo comprendeva bimbi fra i 9 e i 17 mesi, il secondo bimbi dai 18 ai 24 mesi e il terzo bimbi dai 24 ai 32 mesi. In un primo momento, i piccoli partecipanti sono stati osservati mente svolgevano normali attività. In particolare, gli studiosi hanno cercato di capire con quali giochi giocassero e come. In un secondo momento, gli autori hanno messo una serie di giochi per bambini a portata di tutti e hanno invitato i piccoli a giocare con quelli che preferivano. Lo scopo era capire se i due sessi avessero un approccio diverso all’attività ludica fin dalla primissima infanzia.

Le bimbe amano anche i giochi dei maschi

L’analisi dei risultati ha confermato che, in effetti, maschi e femmine di pochi mesi hanno attitudini di gioco differenti. Nel gruppo dei piccoli, è emersa una preferenza per i giochi abitualmente associati al genere di appartenenza: le bimbe, cioè, gradivano intrattenersi soprattutto con bambole, pentolini e altri oggetti della cucina, mentre i maschietti con palle e macchinine. A sorpresa, però, queste differenze non erano presenti negli altri gruppi. Le bimbe più grandi, infatti, amavano giocare anche con i giochi dei loro coetanei maschi, mentre i maschi continuavano a giocare maggiormente con gli oggetti che nell’immaginario collettivo appartengono al loro genere.

 

 

 

 
 
 

In breve

IL RUOLO DEI GENITORI

Mamma e papà dovrebbero essere i primi a proporre una grande varietà di giochi ai loro figli. L’ideale è che li incentivino a giocare con oggetti diversi, non lasciando che stereotipi e luoghi comuni frenino la loro inventiva e libertà. Quindi, sì a cucine e disegni per i bimbi e a trattori e trenini per le femminucce.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Tampone vaginale positivo allo streptococco al termine della gravidanza

Può accadere che in prossimità del parto il tampone vaginale rilevi la presenza dell'infezione. In questo caso, all'inizio del travaglio viene praticata la profilassi antibitica per evitare che il bambino venga contagiato al momento della nascita.   »

Sinechie delle piccole labbra: serve il cortisone?

Le pomate al cortisone non trovano specifica indicazione per le sinechie delle piccole labbra di una bambina. Una crema emolliente, che contrasti la secchezza delle mucose, se non ci sono sintomi né infezioni ricorrenti è più che sufficiente per controllare l'anomalia.   »

Influenza in gravidanza: è pericolosa?

Ci possono essere dei rischi, se l'influenza viene contratta nelle prime settimane di gravidanza, a causa della febbre. Nel secondo e nel terzo trimestre è improbabile che il bambino corra particolari pericoli. In generale, è sempre opportuno che una donna in attesa effettui la vaccinazione antiinfluenzale....  »

Fai la tua domanda agli specialisti