Giochi per bambini: differenze di genere già prima dell’anno

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 09/09/2016 Aggiornato il 09/09/2016

A 9 mesi maschi e femmine manifesterebbero già preferenze nette e diverse in fatto di giochi per bambini. Poi le cose cambiano un po'

Giochi per bambini: differenze di genere già prima dell’anno

Chi pensa che nei primi mesi di vita i bambini si comportino allo stesso modo, indifferentemente dal sesso di appartenenza, e che le differenze di genere compaiano solo con il passare degli anni, forse, dovrà ricredersi. Secondo un recente studio condotto da un team di ricercatori londinesi, della City University London e dell’Ucl (University College London), pubblicata su Infant and Child Development Child Development, infatti, a nove mesi maschi e femmine hanno già idee molto chiare e diverse, perlomeno in fatto di giochi per bambini.

Lo studio inglese

La ricerca ha coinvolto in totale 101 bambini londinesi di età compresa fra i 9 e i 32 mesi, che frequentavano quattro asili multiculturali della capitale britannica. I ricercatori li hanno divisi in tre gruppi, in relazione alla loro età: il primo comprendeva bimbi fra i 9 e i 17 mesi, il secondo bimbi dai 18 ai 24 mesi e il terzo bimbi dai 24 ai 32 mesi. In un primo momento, i piccoli partecipanti sono stati osservati mente svolgevano normali attività. In particolare, gli studiosi hanno cercato di capire con quali giochi giocassero e come. In un secondo momento, gli autori hanno messo una serie di giochi per bambini a portata di tutti e hanno invitato i piccoli a giocare con quelli che preferivano. Lo scopo era capire se i due sessi avessero un approccio diverso all’attività ludica fin dalla primissima infanzia.

Le bimbe amano anche i giochi dei maschi

L’analisi dei risultati ha confermato che, in effetti, maschi e femmine di pochi mesi hanno attitudini di gioco differenti. Nel gruppo dei piccoli, è emersa una preferenza per i giochi abitualmente associati al genere di appartenenza: le bimbe, cioè, gradivano intrattenersi soprattutto con bambole, pentolini e altri oggetti della cucina, mentre i maschietti con palle e macchinine. A sorpresa, però, queste differenze non erano presenti negli altri gruppi. Le bimbe più grandi, infatti, amavano giocare anche con i giochi dei loro coetanei maschi, mentre i maschi continuavano a giocare maggiormente con gli oggetti che nell’immaginario collettivo appartengono al loro genere.

 

 

 

 
 
 

In breve

IL RUOLO DEI GENITORI

Mamma e papà dovrebbero essere i primi a proporre una grande varietà di giochi ai loro figli. L’ideale è che li incentivino a giocare con oggetti diversi, non lasciando che stereotipi e luoghi comuni frenino la loro inventiva e libertà. Quindi, sì a cucine e disegni per i bimbi e a trattori e trenini per le femminucce.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Bimbo ostile allo svezzamento

Quando un bambino rifiuta con ostinazione le prime pappe e qualsiasi altro alimento diverso dal latte, occorre giocare d'astuzia (armandosi di infinta pazienza).   »

Bimba che di notte si sveglia spesso

I disturbi del sonno possono essere ben controllati con la pratica del co-sleepeeng, che consiste nel far dormire il bambino "accanto ai genitori", ma non nello stesso letto.   »

In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti