Il bebè ha problemi di sonno? Aiutalo con l’omeopatia

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 15/03/2013 Aggiornato il 15/03/2013

Oggi è la Giornata mondiale del sonno, un’occasione per riflettere sull’importanza di dormire bene. Di insonnia soffrono anche i bambini. L’omeopatia risulta molto efficace

Il bebè ha problemi di sonno? Aiutalo con l’omeopatia

Giornata mondiale del sonno, oggi 15 marzo. Un’occasione per riflettere sull’importanza del dormir bene, a tutte le età. Perché d’insonnia soffrono 12 milioni di italiani, inclusi i bambini, che possono così avere calo dell’attenzione, difficoltà nell’apprendimento e nella memorizzazione.

Tanti i mezzi a disposizione per risolvere questo fastidioso disturbo, per esempio l’omeopatia, efficace anche nei bambini molto piccoli. Senza dimenticare che sono importanti anche le sane abitudini, come portare a letto i bambini sempre alla stessa ora perché si abituino a quell’orario.

Indicata anche per i bambini

In particolare, l’omeopatia può contribuire a ristabilire l’equilibrio emotivo e a modulare le reazioni  della persona. Grazie alla loro deconcentrazione, questi medicinali non presentano in genere tossicità chimica, controindicazioni, interazioni farmacologiche ed effetti indesiderati legati alla quantità di prodotto assorbito, caratteristica che li rende adatti anche ai bebè. “Sulla base della mia esperienza personale – evidenzia Tommaso Lovecchio, medico pediatra a Bari – mi capita di consigliare spesso alle mamme Quietalia, uno sciroppo omeopatico indicato per lievi disturbi del sonno, stati transitori di agitazione e nervosismo nel bambino. Consiglio alle mamme di darne un misurino al mattino e uno alla sera. Inoltre, trovo sia importante far capire ai genitori che l’irrequietezza del bambino può essere espressione di veri e propri stati ansiosi non verbalizzati, che possono manifestarsi in varie circostanze come, per esempio, una precoce socializzazione, una malattia e una convalescenza prolungata, un trauma affettivo e così via”.  

I dentini possono essere la causa

Naturalmente, per i piccolissimi tra i 4 e i 30 mesi, il problema del sonno potrebbe essere collegato allo spuntare dei dentini. Tra i medicinali omeopatici indicati in tal senso, c’è Camilia, composto da tre diverse sostanze attive tradizionalmente utilizzate dalla farmacologia omeopatica nel trattamento sintomatico dei disturbi attribuibili alla dentizione. Va data una monodose per bocca, 2-3 volte al giorno. “Raccomando di proseguire la cura fino alla scomparsa dei sintomi – afferma ancora Lovecchio – e se dopo 7-10 giorni di trattamento, i sintomi persistono o peggiorano, invito i genitori a consultare il medico”.

Se c’è risveglio precoce o spaventato

Fa parte dell’insonnia anche il risveglio precoce o frequente o addirittura spaventato. “In questi casi potrebbe essere utili medicinali omeopatici come Stramonium, Hyosciamus, Kalium Bromatum, solo dopo un’accurata visita dal pediatra omeopata” conclude il medico.

In breve

IMPORTANTE ANDARE A DORMIRE ALLA STESSA ORA

Sono dodici milioni gli italiani che hanno problemi di sonno, tra questi rientrano anche i bambini, anche quelli molto piccoli. L’omeopatia può essere di grande aiuto ma è importante anche mandare il bebè a letto alla stessa ora per abituarlo a a rispettare i ritmi del sonno.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Positiva allo streptococco a qualche settimana dal parto

19/04/2021 Bambino di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui il tampone rivelasse una positività allo streptococco, al momento del parto viene effettuata una profilassi antibiotica per evitare che il bambino venga contagiato dal batterio durante il passaggio all'esterno.  »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Smettere di allattare e sensi di colpa

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Le mamme sono specializzate in sensi di colpa, ma forse riuscirebbero a nutrirne di meno se solo acquisissero la consapevolezza che la tristezza e l'ansia che ne derivano non fanno bene alla serenità del bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti