Malformazioni della mano: vanno operate entro il primo anno di età

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 04/12/2013 Aggiornato il 04/12/2013

Oggi gran parte delle malformazioni della mano del bambino può essere corretta. Ma non bisogna aspettare troppo, altrimenti diventa tutto più difficile 

Malformazioni della mano: vanno operate entro il primo anno di età

Insieme al viso, sono la parte del corpo che è quasi sempre esposta. Per questo, le malformazioni della mano rappresentano un problema psicologico e relazionale, oltre che di natura organica. I genitori, però, non devono preoccuparsi troppo: in molti casi è possibile correggere il difetto. A patto, però, di intervenire in maniera precoce.

Tante forme diverse

Le malformazioni congenite della mano e dell’arto superiore dei bambini rappresentano un gruppo molto vasto di problematiche diverse. Dipendono quasi sempre da alterazioni genetiche, trasmesse dai genitori, e da fattori ambientali, come alcuni virus. In passato, molti casi sono stati causati dall’uso della talidomide, un farmaco che venduto negli anni Cinquanta e Sessanta come sedativo, anti-nausea e ipnotico per la gravidanza.

Le due più comuni

Una delle malformazioni della mano più comuni è la sindattilia. Si tratta di una riduzione, di ampiezza dello spazio tra due segmenti digitali contigui, che può essere completa o parziale. Anche la simbrachidattilia è abbastanza comune. È una deformità caratterizzata da una riduzione dell’ampiezza degli spazi interdigitali, associata a un accorciamento dei segmenti scheletrici.

Entro i 18 mesi al massimo

Nella maggior parte dei casi, le malformazioni della mano possono essere trattate chirurgicamente. È importante, però, non aspettare troppo. In linea di massima, la capacità di presa va corretta entro il 15° – 18° mese di vita, entro il 12° se la deformazione riguarda il pollice. Infatti, è proprio in questi momenti che il cervello impara a coordinarsi con gli organi. Se, dunque, le informazioni trasmesse a livello centrale non possono giungere a “destinazione”, il bimbo non apprende a muovere correttamente le varie parti delle mani. E più si aspetta, più tutto diventa difficile. 

In breve

CHE COSA POSSONO FARE MAMMA E PAPA’

I bambini che nascono con malformazioni della mano, a differenza di quelli che hanno subito un trauma o un incidente, che patiscono anche la perdita di una sola falange del mignolo, riescono a fare tutto. Il problema principale è il modo in cui li vedono gli altri. Ecco perché l’appoggio della famiglia è fondamentale.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Piccolissima che non gradisce il cambio del latte

17/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Migliori

Il sapore e la consistenza di un nuovo tipo di latte possono non essere accettati subito di buon grado dal neonato ed è per questo che è consigliabile che il cambiamento avvenga con gradualità, iniziando con una sola poppata.   »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Distacco: si deve stare a riposo assoluto?

11/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Stare a letto non solo non serve a cambiare in meglio il destino di una gravidanza ma può addirittura rivelarsi dannoso in quanto favorisce la formazione di trombi e peggiora notevolmente il tono dell'umore.   »

Fai la tua domanda agli specialisti