Neonato: parto e allattamento possono influenzarne la salute

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 26/04/2017 Aggiornato il 26/04/2017

Il buon funzionamento dell’intestino, e quindi dello stato di salute, del neonato dipende anche dal tipo di parto e dall’allattamento

Neonato: parto e allattamento possono influenzarne la salute

Una recente ricerca, condotta dall’University College Cork (Irlanda) in collaborazione con i ricercatori della Fondazione Edmund Mach e pubblicata sulla rivista scientifica Microbiome, ha analizzato l’intestino del neonato dalla nascita ai sei mesi e i risvolti sulla salute presente e futura. Ecco che cosa è emerso.

Il super microbiota intestinale

L’intestino è colonizzato da numerosi microrganismi che aiutano a digerire il cibo, educano il sistema immunitario e giocano un ruolo importante nella regolazione del metabolismo. Il microbiota intestinale, un tempo denominato flora intestinale, è considerato sempre più a livello scientifico un super-organo che risulta composto da un numero di batteri superiore rispetto al numero totale di cellule che compongono l’intero corpo umano e appartenenti a circa un migliaio di specie diverse. Questi “coinquilini” vivono in stretto e mutualistico contatto con la mucosa intestinale. La comunicazione metabolica tra ospite umano e batteri intestinali svolge un ruolo regolatore importante per la salute, non solo nel neonate e nell’infanzia, durante la quale il microbiota si sviluppa gradualmente, ma anche durante tutta la vita.

Batteri buoni e dannosi 

La ricerca della Fondazione Mach ha preso in considerazione l’evoluzione nel tempo del microbiota intestinale e analizzato i metaboliti presenti nelle urine dei neonati a quattro settimane di età; gli studiosi hanno osservato che il tipo di parto (naturale o cesareo, a termine o premature), e la modalità di allattamento (al seno o artificiale) influenzano notevolmente la composizione del microbiota, determinando in particolare il profilo dei batteri intestinali e la loro produzione metabolica del neonato.

Promossi parto naturale e allattamento al seno

Indirettamente la ricerca ha premiato il parto naturale e l’allattamento al seno. Già in precedenza una ricerca dell’ospedale Bambino Gesù di Roma aveva dimostrato che il microbiota del neonato nutrito con il latte materno è ricco di lattobacilli, ovvero batteri amici che favoriscono il benessere del bambino. Ma il latte della mamma non regala solo batteri “buoni”, difende anche da quelli dannosi, i batteri patogeni, che infatti nel microbiota degli allattati al seno sono del tutto assenti o rari.

 

 

 
 
 

da sapere!

Il microbiota si forma nei primi 18 mesi di vita, via via si stabilizza e progressivamente somiglia sempre di più a quello dell’adulto.

 

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Bimbo ostile allo svezzamento

Quando un bambino rifiuta con ostinazione le prime pappe e qualsiasi altro alimento diverso dal latte, occorre giocare d'astuzia (armandosi di infinta pazienza).   »

Bimba che di notte si sveglia spesso

I disturbi del sonno possono essere ben controllati con la pratica del co-sleepeeng, che consiste nel far dormire il bambino "accanto ai genitori", ma non nello stesso letto.   »

In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti