Rimedi naturali per i piccoli disturbi dei neonati

Roberta Raviolo A cura di Roberta Raviolo Pubblicato il 29/10/2020 Aggiornato il 29/10/2020

Quando i bimbi sono soggetti a coliche, episodi febbrili lievi, tosse, i rimedi naturali per i piccoli disturbi possono aiutare, dietro il parere del pediatra

Rimedi naturali per i piccoli disturbi dei neonati

Fin dalle prime settimane di vita, il bebè può essere soggetto a qualche malessere. Si tratta quasi sempre di nulla di serio, che comunque è importante segnalare al pediatra per monitorare lo stato di salute del piccolo. Oltre alle cure tradizionali, è possibile ricorrere a rimedi naturali per i piccoli disturbi. Anche in questo caso, comunque, per sicurezza sarebbe opportuno parlarne sempre con il medico.

Per le coliche gassose

Con il termine coliche gassose si intendono crisi di pianto prolungato del bambino, che si dimostra nervoso e inquieto, soprattutto verso sera. Sono dovute all’accumulo di aria all’interno degli organi addominali ancora immaturi, in seguito alla poppata al seno o al biberon. L’aria causa distensione della parete intestinale e il piccolo prova dolore e disagio. Queste manifestazioni tendono ad alleviarsi con il passare dei mesi, ma è possibile alleviare il fastidio per esempio con un bagno tiepido, in cui sono state dissolte non oltre due gocce di olio essenziale di camomilla, rosa o maggiorana. L’ambiente deve essere sereno e rilassato, le luci smorzate, lo smartphone della mamma ben lontano. Anche il massaggio sul pancino, subito dopo il bagnetto, aiuta il rilassamento dei muscoli addominali e quindi favorisce l’eliminazione dell’aria. Tisane a base di semi di finocchio o camomilla vanno proposte solo se è il pediatra a suggerirle, seguendo attentamente le dosi e le modalità di somministrazione. Recenti studi hanno sostenuto che anche i probiotici, come alcuni ceppi del Lactobacillus reuterii possono alleviare il disturbo. Anche in questo caso occorre il parere del pediatra.

In caso di tosse

La tosse è un sintomo, non una malattia in sé. Di conseguenza non va soppressa a tutti i costi, perché è un tentativo da parte dell’organismo di liberarsi da qualcosa che infastidisce, che sia un virus o un corpo estraneo. Anche in questo caso soprattutto se il bambino ha meno di un anno il disturbo va segnalato al pediatra, che potrà visitare il piccolo per escludere, per esempio, una bronchite. Se la tosse è provocata dallo scolo di muco in gola, come succede in caso di raffreddore, oppure se la gola è secca e irritata, sono utili i lavaggi dinamici con soluzioni a base di acqua e sale da preparare in casa, in queste proporzioni: due cucchiaini da caffè rasi di sale da cucina dissolto in mezzo litro di acqua fatta bollire per due minuti. Per i bambini di età superiore a un anno, si può ricorrere al miele di eucalipto, rimedio goloso che contiene sostanze antibatteriche naturali. Nei piccoli che hanno meno di dodici mesi, si può proporre lo sciroppo di mais che ha un effetto calmante, sedativo e mucolitico. Per la tosse secca si può assumere così com’è, un cucchiaio al mattino e uno alla sera. Per aiutare la maturazione della tosse grassa, si scioglie un cucchiaio di miele in un liquido non troppo caldo come tè deteinato, camomilla, tisana di malva o biancospino. Anche in questo caso è utile chiedere consiglio al pediatra. Sempre utile il consiglio di umidificare l’ambiente domestico aggiungendo acqua nei contenitori dei termosifoni oppure utilizzando un umidificatore elettrico. È meglio non aggiungere essenze che nei bambini possono irritare le mucose.

Se ha il nasino tappato

Ecco un’altra situazione per la quale sono adatti i rimedi naturali. Per i piccoli disturbi alle vie respiratorie, come nasino chiuso, che cola, con starnuti frequenti, tornano utili i lavaggi nasali con la soluzione preparata in casa oppure acquistata già pronta in farmacia. Si effettuano al mattino, prima del riposino pomeridiano e subito prima della nanna la sera. Per reidratare le mucose irritate dalla respirazione a bocca aperta è bene proporre al piccolo molti liquidi: latte della mamma o dal biberon, tè deteinato, camomilla o tisane formulate per bambini a base di biancospino, camomilla, verbena. È sempre il ginecologo a fornire indicazioni in merito. Per idratare la pelle del nasino, screpolata dall’umidità dovuta al raffreddore e la mucosa delle labbra si può applicare un velo di gel all’Aloe vera oppure di pomate specifiche per bambini, anche a base di acido ialuronico. Formano una pellicola con effetto protettivo e nutriente, che allevia il bruciore e l’arrossamento locale.

In caso di stipsi

I rimedi naturali per i piccoli disturbi possono essere utili anche se il bimbo ha qualche problema di stitichezza, ossia non riesce ad andare di corpo con regolarità o le feci sono dure e causano dolore. Se la stipsi è legata allo stile alimentare e il piccolo è già svezzato o grandicello, è bene aumentare la quantità di liquidi assunti durante la giornata, perché ammorbidiscono le feci. È opportuno anche che il piccolo assuma più fibre consumando frutta che in genere piace molto, sia fresca sia omogeneizzata: i tipi più efficaci sono pera e prugna, che possono essere proposti fin dai primi mesi. Gli ortaggi come zucchine, spinaci, zucca, assieme a piselli, ceci, lenticchie in passato esercitano un effetto regolarizzante sull’intestino pigro. Sempre dietro indicazione del pediatra, una tisana a base di camomilla, malva, semi di finocchio aiuta a combattere la stipsi nervosa, legata al passaggio dal pannolino al vasino, all’ingresso al nido e ad altre piccole grandi difficoltà dei bambini.

 

 
 
 

Da sapere!

I rimedi naturali aiutano per i piccoli disturbi, mentre per affrontare la febbre è bene non prendere iniziative senza prima parlare con il pediatra. Non va abbassata a tutti i costi, a meno che non sia elevata, perché è la prima strategia di difesa dell’organismo: con il calore si combattono virus e altri germi pericolosi.

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Distacco: si deve stare a riposo assoluto?

11/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Stare a letto non solo non serve a cambiare in meglio il destino di una gravidanza ma può addirittura rivelarsi dannoso in quanto favorisce la formazione di trombi e peggiora notevolmente il tono dell'umore.   »

Salpingografia: a cosa serve?

10/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La salpingografia è l'esame che indaga sulle tube alllo scopo di verificare se siano aperte o no. Allo stesso tempo, grazie al mezzo di contrasto, durante l'indagine eventuali ostruzioni possono essere rimosse.   »

Incompleto accollamento delle decidue: cosa vuol dire?

05/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La decidua è l'endometrio durante la gravidanza, in cui l'embrione si annida. Al di sotto c'è chorion, che è il "guscio" che delimita la camera gestazionale entro cui c'è la membrana amniotica o amnios, che è come un sacchetto che racchiude feto e liquido amniotico. Viene definito "mancato accollamento"...  »

Bimbo di 19 mesi che cambia spesso umore

04/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Paola Rolando

Non è raro che verso i due anni il bambino inizi ad avere momenti di nervosismo, manifesti rabbia o ribellione, sia capriccioso: accogliere le sue emozioni negative, facendolo sentire compreso e protetto è il modo migliore per contenere le crisi e fargli recuperare in fretta serenità e allegria.   »

Si può concepire con un solo ovaio e una sola tuba controlaterale?

23/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se una tuba è efficiente è possibile che durante l'ovulazione, anche se a carico dell'ovaio controlaterale, si muova dalla sua sede abituale e si allunghi per captare l'ovocita.  »

Fai la tua domanda agli specialisti