Sids, un legame con la serotonina

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 31/10/2017 Aggiornato il 31/10/2017

Le disfunzioni della serotonina possono essere una delle cause all'origine della Sids, la sindrome da morte in culla del lattante

Sids, un legame con la serotonina

Le disfunzioni della serotonina rappresentano una delle cause della Sids, la sindrome da morte improvvisa in culla. La scoperta, effettuata da un gruppo di ricercatori australiani dell’Università di Adelaide, getta una nuova luce sui meccanismi – ancora misteriosi – all’origine delle morti in culla dei lattanti. 

Cos’è la Sids

La Sids è una condizione che si manifesta provocando la morte improvvisa e inaspettata di un bimbo apparentemente sano entro il primo anno di vita e rappresenta la principale causa di morte nei neonati tra un mese e un anno di età nel mondo sviluppato. Le cause del decesso, ancora oggi, la maggior parte delle volte restano inspiegate anche dopo approfonditi esami effettuati post-mortem.

Alterazioni neurochimiche

Stando ai dati raccolti dai ricercatori australiani emerge che una delle cause di questa sindrome – rilevata in un gruppo di 41 bambini australiani deceduti per Sids –  potrebbe risiedere in disfunzioni legate ai livelli e ai recettori della serotonina, un neurotrasmettitore presente in diverse aree dell’organismo, tra cui il sistema nervoso centrale, e coinvolto in diverse funzioni fisiologiche tra cui la regolazione del sonno e il controllo dei sistemi cardiovascolari e respiratori.

Malfunzionamenti letali

Come spiegano i ricercatori, le alterazioni nel funzionamento della serotonina contribuiscono allo sviluppo di disfunzioni cerebrali durante un periodo critico dello sviluppo postnatale “conducendo all’incapacità del neonato a rispondere appropriatamente a eventi potenzialmente letali, come la mancanza di flusso di ossigeno durante il sonno”.

Perfezionare la prevenzione

Secondo gli autori dello studio australiano una migliore comprensione del ruolo della serotonina e di altri neurotrasmettitori e delle loro disfunzioni nel cervello potrà contribuire allo sviluppo di potenziali biomarcatori per neonati a maggior rischio di Sids.

 

 

 
 
 

In breve

LE REGOLE ANTI-SIDS

Ecco dal ministero della Salute alcune regole per prevenire la Sids: mettere il bambino a dormire in posizione supina (a pancia in su) sin dai primi giorni di vita nella culla o nel lettino, meglio se nella stanza dei genitori; l’ambiente in cui dorme il piccolo non deve mai essere eccessivamente caldo (temperatura tra i 18 °C e i 20 °C); il materasso non deve essere troppo soffice e va evitato l’uso di cuscino, paracolpi e peluche; la stanza in cui dorme il piccolo – e in generale anche il resto della casa – deve essere libera da fumo.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti