Sids, un legame con la serotonina

Le disfunzioni della serotonina possono essere una delle cause all'origine della Sids, la sindrome da morte in culla del lattante

Le disfunzioni della serotonina rappresentano una delle cause della Sids, la sindrome da morte improvvisa in culla. La scoperta, effettuata da un gruppo di ricercatori australiani dell’Università di Adelaide, getta una nuova luce sui meccanismi – ancora misteriosi – all’origine delle morti in culla dei lattanti. 

Cos’è la Sids

La Sids è una condizione che si manifesta provocando la morte improvvisa e inaspettata di un bimbo apparentemente sano entro il primo anno di vita e rappresenta la principale causa di morte nei neonati tra un mese e un anno di età nel mondo sviluppato. Le cause del decesso, ancora oggi, la maggior parte delle volte restano inspiegate anche dopo approfonditi esami effettuati post-mortem.

Alterazioni neurochimiche

Stando ai dati raccolti dai ricercatori australiani emerge che una delle cause di questa sindrome – rilevata in un gruppo di 41 bambini australiani deceduti per Sids –  potrebbe risiedere in disfunzioni legate ai livelli e ai recettori della serotonina, un neurotrasmettitore presente in diverse aree dell’organismo, tra cui il sistema nervoso centrale, e coinvolto in diverse funzioni fisiologiche tra cui la regolazione del sonno e il controllo dei sistemi cardiovascolari e respiratori.

Malfunzionamenti letali

Come spiegano i ricercatori, le alterazioni nel funzionamento della serotonina contribuiscono allo sviluppo di disfunzioni cerebrali durante un periodo critico dello sviluppo postnatale “conducendo all’incapacità del neonato a rispondere appropriatamente a eventi potenzialmente letali, come la mancanza di flusso di ossigeno durante il sonno”.

Perfezionare la prevenzione

Secondo gli autori dello studio australiano una migliore comprensione del ruolo della serotonina e di altri neurotrasmettitori e delle loro disfunzioni nel cervello potrà contribuire allo sviluppo di potenziali biomarcatori per neonati a maggior rischio di Sids.

 

 

 
 
 

In breve

LE REGOLE ANTI-SIDS

Ecco dal ministero della Salute alcune regole per prevenire la Sids: mettere il bambino a dormire in posizione supina (a pancia in su) sin dai primi giorni di vita nella culla o nel lettino, meglio se nella stanza dei genitori; l’ambiente in cui dorme il piccolo non deve mai essere eccessivamente caldo (temperatura tra i 18 °C e i 20 °C); il materasso non deve essere troppo soffice e va evitato l’uso di cuscino, paracolpi e peluche; la stanza in cui dorme il piccolo – e in generale anche il resto della casa – deve essere libera da fumo.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Fontanella quasi chiusa a sei mesi: è un brutto segno?

La (quasi) chiusura della fontanella a sei mesi di età non è un segno allarmante, se lo sviluppo neurologico è normale e la crescita della circonferenza cranica regolare.   »

Tampone vaginale positivo allo streptococco al termine della gravidanza

Può accadere che in prossimità del parto il tampone vaginale rilevi la presenza dell'infezione. In questo caso, all'inizio del travaglio viene praticata la profilassi antibitica per evitare che il bambino venga contagiato al momento della nascita.   »

Influenza in gravidanza: è pericolosa?

Ci possono essere dei rischi, se l'influenza viene contratta nelle prime settimane di gravidanza, a causa della febbre. Nel secondo e nel terzo trimestre è improbabile che il bambino corra particolari pericoli. In generale, è sempre opportuno che una donna in attesa effettui la vaccinazione antiinfluenzale....  »

Fai la tua domanda agli specialisti