Il sonnellino migliora il linguaggio dei bambini

Silvia Finazzi
A cura di Silvia Finazzi
Pubblicato il 31/12/2018 Aggiornato il 04/01/2019

Impazienti di sentire le prime parole pronunciate dal vostro bambino? Allora concedetegli un sonnellino di 50 minuti. Ecco perché

Il sonnellino migliora il linguaggio dei bambini

Un team di studiosi tedeschi è riuscito a dimostrare che i neonati che fanno un sonnellino di 50 minuti sono facilitati nello sviluppo del linguaggio e riescono meglio ad associare le parole al loro significato. 

Lo studio su neonati di sei-otto mesi

Lo studio secondo cui un sonnellino di 50 minuti accelera e migliora lo sviluppo del linguaggio dei bambini è stato effettuato su un gruppo di neonati di età compresa fra i sei e gli otto mesi da alcuni ricercatori del Max Planck Institute for Human Cognitive and Brain Sciences di Lipsia ed è stato pubblicato sulla rivista scientifica Current Biology. Tutti sono stati sottoposti a un semplice esperimento volto a valutare la loro capacità di linguaggio. In un primo momento gli autori hanno sottoposto all’attenzione dei piccoli alcuni oggetti ai quali hanno attribuito nomi di fantasia, come “Bofel” o “Zuser”. In un secondo momento hanno mostrato loro altri oggetti, di forma o colore diversi, ma chiamati con gli stessi nomignoli. Quindi, hanno invitato i genitori a far dormire i loro bambini e hanno ripetuto il test al risveglio. Questa prova è stata effettuata più volte.

Il sonno influenza il linguaggio

Osservando i comportamenti dei bambini, i ricercatori hanno così notato che alcuni piccoli facevano fatica a costruire una relazione fra oggetti e parole: avevano cioè difficoltà ad associare le cose a un nome. A eccezione di quelli che avevano fatto un sonnellino di 50 minuti. Infatti, i neonati che riposavano per poco meno di un’ora, al risveglio sembravano maggiormente in grado di riconoscere il termine giusto per l’oggetto in questione rispetto a quelli che non avevano dormito o avevano dormito di più o di meno Secondo gli esperti, dunque, un sonnellino moderato può aiutare a consolidare le conoscenze appena apprese, favorendo così lo sviluppo del linguaggio dei bambini.

 

 

 
 
 

In breve

IL SONNO LEGGERO AIUTA LA MEMORIA

Dallo studio è emerso non solo che un sonnellino di 50 minuti aiuta lo sviluppo del linguaggio dei bambini, ma anche che la fase più importante in questo senso è la seconda: quella del sonno leggero, durante il quale verrebbe favorito lo sviluppo della memoria lessicale.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Bimbo ostile allo svezzamento

Quando un bambino rifiuta con ostinazione le prime pappe e qualsiasi altro alimento diverso dal latte, occorre giocare d'astuzia (armandosi di infinta pazienza).   »

Bimba che di notte si sveglia spesso

I disturbi del sonno possono essere ben controllati con la pratica del co-sleepeeng, che consiste nel far dormire il bambino "accanto ai genitori", ma non nello stesso letto.   »

In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti