Sonno del neonato: quando dormirà tutta la notte?

Roberta Camisasca A cura di Roberta Camisasca Pubblicato il 15/02/2019 Aggiornato il 15/02/2019

Una delle domande più frequenti dei neogenitori, assonnati e stanchi, riguarda il sonno del neonato. Ma è bene sapere che…

Sonno del neonato: quando dormirà tutta la notte?

Tra le tappe importanti dello sviluppo di un neonato vi è anche il cominciare a dormire tutta la notte, evento molto atteso dai genitori dopo diverse nottate in bianco. Molti si aspettano che il piccolo inizi a dormire in modo regolare a partire dai 6 mesi, ma a volte questo non accade neppure dopo l’anno di età: anche in questo caso, però, mamma e papà non dovrebbero preoccuparsi troppo, perché il sonno del neonato è molto variabile. Lo rileva una ricerca canadese e singaporiana, che ha coinvolto la McGill University e il Singapore Institute for Clinical Sciences, pubblicata sulla rivista medica Pediatrics.

Da 6 mesi a un anno

Per capire perché alcuni bambini tardano a cominciare a dormire per tutta la notte, gli studiosi hanno analizzato il sonno del neonato, prendendo come riferimento 6-8 ore di sonno senza risveglio, esaminando le abitudini relative a 388 bambini di sei mesi e 369 di un anno. A 6 mesi di età, secondo quanto riferito dalle madri, il 38% dei piccoli in genere non dormiva ancora per almeno 6 ore consecutive di notte; più della metà (57%) non per 8. A 12 mesi, il 28% non dormiva ancora per 6 ore a notte, e il 43% per 8.

Non ci sono conseguenze

I ricercatori hanno anche osservato se i neonati che si svegliavano di notte avessero maggiori probabilità di andare incontro a problemi di sviluppo cognitivo, linguistico o motorio, non trovando però alcuna associazione. Inoltre non sono emerse correlazioni tra il risveglio dei neonati di notte e l’umore postnatale delle mamme.

Importanti i rituali

Secondo gli esperti, per regolarizzare il sonno del neonato è comunque fondamentale impostare fin da subito una corretta routine della buonanotte. Nel neonato è mirata a una stimolazione dei sensi: l’udito, attraverso suoni e musiche (a due mesi i piccoli possono già riconoscere una melodia), il tatto, sfruttando coccole e massaggi, e la vista, allestendo un ambiente riposante e confortevole. Basta un bagnetto caldo, un massaggio delicato con una crema o un olio e un momento di relax da condividere con la mamma come leggergli una fiaba o canticchiare una ninna nanna

 
 
 

Da sapere!

Quando i bimbi hanno risvegli notturni, è bene rassicurarli e calmarli: suggerisce uno studio della Pennsylvania State University, secondo cui confortare il bebè lo aiuta a svegliarsi meno di notte.

 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccino antiinfluenzale in allattamento: si può fare?

26/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La vaccinazione antiinfluenzale non è controindicata per le mamme che allattano al seno.  »

Dubbio sul valore delle beta-hCG

23/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Per capire se la gravidanza sta procedendo, serve l'ecografia, tuttavia non conviene farla prima che il valore dell'ormone beta-hCG sia almeno a 1000.  »

Bimba che fatica ad addormentarsi: le si può dare la melatonina?

06/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Francesco Peverini

Dormire è fondamentale per tutti, ma in particolare per i bambini: cercare un rimedio contro un eventuale disturbo del sonno è dunque opportuno.   »

Sono incinta: posso continuare ad allattare?

14/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se lo si desidera, non c'è ragione di smettere di allattare quando inizia una nuova gravidanza.   »

Fai la tua domanda agli specialisti