I vagiti dei neonati non sono tutti uguali

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 06/10/2016 Aggiornato il 06/10/2016

Non solo la lingua che apprenderanno, anche i vagiti dei neonati sono diversi a seconda del Paese natale. Ecco perché

I vagiti dei neonati non sono tutti uguali

I vagiti dei neonati sono diversi a seconda del Paese natale, perché nel corso della gravidanza hanno potuto cogliere e interiorizzare le inflessioni linguistiche della mamma. È quanto sostiene una ricerca condotta all’Università di Wurzburg (Germania).

Cambia anche il pianto

Se si tratta di un idioma “tonale”, come il cinese mandarino, dove le parole cambiano di significato in base al tipo di intonazione vocale, il pianto del neonato sarà melodico, quasi musicale. Quando, invece, si prendono in esame lingue del ceppo europeo, come l’inglese o il tedesco, l’impatto dell’inflessione materna appare minore.

Dalla Cina all’Africa

Per dimostrare che i vagiti dei neonati sono diversi a seconda del Paese natale, i ricercatori hanno preso in esame 55 neonati a Pechino e 21 bebè di un’area rurale del nord ovest del Camerun. Le madri dei primi parlavano il cinese mandarino, caratterizzato da 4 suoni chiave, mentre nel secondo caso le tonalità erano più numerose. Gli esperti hanno registrato i “lamenti” spontanei, tipici per esempio quando il bebè ha fame, e hanno individuato le differenze, anche confrontando le registrazioni con quelle ottenute in Paesi europei, dove il linguaggio ha caratteristiche diverse.

Alle radici dell’idioma

Grazie a queste ricerca si può comprendere come si realizzano le prime fasi dello sviluppo delle abilità vocali ben prima che i piccoli comincino con i classici processi di lallazione e si possono ipotizzare nuove evidenze per valutare il percorso del linguaggio fin dalle fasi più precoci.

L’influenza del clima

Sulle differenze non influirebbe solo la lingua parlata dalla gestante, ma anche il legame madre-feto, fattori genetici e addirittura situazioni ambientali. A sottolineare l’influenza del clima sul fatto che i vagiti dei neonati sono diversi a seconda del Paese natale è intervenuta anche una ricerca condotta al Max Planck Institutes for Psycholinguistics, Evolutionary Anthropology and Mathematics di Lipsia (Germania), che mostra come le lingue tonali siano più diffuse nelle aree del Pianeta con un più elevato tasso di umidità, mentre le inflessioni sarebbe molto più limitate nelle zone più secche.  Il motivo? Se le corde vocali sono abituate all’umidità possono modulare più facilmente le parole in base al tono, attribuendo inflessioni diverse a una stessa sequenza di lettere. 

 

 
 
 

lo sapevi che?

Durante la gravidanza “parlare” con il piccolo, cantare filastrocche e raccontare favole è importante, a prescindere dalla lingua che si parla e da quello che sarà il suo vagito.

 

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Bimbo ostile allo svezzamento

Quando un bambino rifiuta con ostinazione le prime pappe e qualsiasi altro alimento diverso dal latte, occorre giocare d'astuzia (armandosi di infinta pazienza).   »

Bimba che di notte si sveglia spesso

I disturbi del sonno possono essere ben controllati con la pratica del co-sleepeeng, che consiste nel far dormire il bambino "accanto ai genitori", ma non nello stesso letto.   »

In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti