I vagiti dei neonati non sono tutti uguali

Non solo la lingua che apprenderanno, anche i vagiti dei neonati sono diversi a seconda del Paese natale. Ecco perché

I vagiti dei neonati sono diversi a seconda del Paese natale, perché nel corso della gravidanza hanno potuto cogliere e interiorizzare le inflessioni linguistiche della mamma. È quanto sostiene una ricerca condotta all’Università di Wurzburg (Germania).

Cambia anche il pianto

Se si tratta di un idioma “tonale”, come il cinese mandarino, dove le parole cambiano di significato in base al tipo di intonazione vocale, il pianto del neonato sarà melodico, quasi musicale. Quando, invece, si prendono in esame lingue del ceppo europeo, come l’inglese o il tedesco, l’impatto dell’inflessione materna appare minore.

Dalla Cina all’Africa

Per dimostrare che i vagiti dei neonati sono diversi a seconda del Paese natale, i ricercatori hanno preso in esame 55 neonati a Pechino e 21 bebè di un’area rurale del nord ovest del Camerun. Le madri dei primi parlavano il cinese mandarino, caratterizzato da 4 suoni chiave, mentre nel secondo caso le tonalità erano più numerose. Gli esperti hanno registrato i “lamenti” spontanei, tipici per esempio quando il bebè ha fame, e hanno individuato le differenze, anche confrontando le registrazioni con quelle ottenute in Paesi europei, dove il linguaggio ha caratteristiche diverse.

Alle radici dell’idioma

Grazie a queste ricerca si può comprendere come si realizzano le prime fasi dello sviluppo delle abilità vocali ben prima che i piccoli comincino con i classici processi di lallazione e si possono ipotizzare nuove evidenze per valutare il percorso del linguaggio fin dalle fasi più precoci.

L’influenza del clima

Sulle differenze non influirebbe solo la lingua parlata dalla gestante, ma anche il legame madre-feto, fattori genetici e addirittura situazioni ambientali. A sottolineare l’influenza del clima sul fatto che i vagiti dei neonati sono diversi a seconda del Paese natale è intervenuta anche una ricerca condotta al Max Planck Institutes for Psycholinguistics, Evolutionary Anthropology and Mathematics di Lipsia (Germania), che mostra come le lingue tonali siano più diffuse nelle aree del Pianeta con un più elevato tasso di umidità, mentre le inflessioni sarebbe molto più limitate nelle zone più secche.  Il motivo? Se le corde vocali sono abituate all’umidità possono modulare più facilmente le parole in base al tono, attribuendo inflessioni diverse a una stessa sequenza di lettere. 

 

 
 
 

lo sapevi che?

Durante la gravidanza “parlare” con il piccolo, cantare filastrocche e raccontare favole è importante, a prescindere dalla lingua che si parla e da quello che sarà il suo vagito.

 

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Fontanella quasi chiusa a sei mesi: è un brutto segno?

La (quasi) chiusura della fontanella a sei mesi di età non è un segno allarmante, se lo sviluppo neurologico è normale e la crescita della circonferenza cranica regolare.   »

Tampone vaginale positivo allo streptococco al termine della gravidanza

Può accadere che in prossimità del parto il tampone vaginale rilevi la presenza dell'infezione. In questo caso, all'inizio del travaglio viene praticata la profilassi antibitica per evitare che il bambino venga contagiato al momento della nascita.   »

Influenza in gravidanza: è pericolosa?

Ci possono essere dei rischi, se l'influenza viene contratta nelle prime settimane di gravidanza, a causa della febbre. Nel secondo e nel terzo trimestre è improbabile che il bambino corra particolari pericoli. In generale, è sempre opportuno che una donna in attesa effettui la vaccinazione antiinfluenzale....  »

Fai la tua domanda agli specialisti