I vagiti dei neonati non sono tutti uguali

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 06/10/2016 Aggiornato il 06/10/2016

Non solo la lingua che apprenderanno, anche i vagiti dei neonati sono diversi a seconda del Paese natale. Ecco perché

I vagiti dei neonati non sono tutti uguali

I vagiti dei neonati sono diversi a seconda del Paese natale, perché nel corso della gravidanza hanno potuto cogliere e interiorizzare le inflessioni linguistiche della mamma. È quanto sostiene una ricerca condotta all’Università di Wurzburg (Germania).

Cambia anche il pianto

Se si tratta di un idioma “tonale”, come il cinese mandarino, dove le parole cambiano di significato in base al tipo di intonazione vocale, il pianto del neonato sarà melodico, quasi musicale. Quando, invece, si prendono in esame lingue del ceppo europeo, come l’inglese o il tedesco, l’impatto dell’inflessione materna appare minore.

Dalla Cina all’Africa

Per dimostrare che i vagiti dei neonati sono diversi a seconda del Paese natale, i ricercatori hanno preso in esame 55 neonati a Pechino e 21 bebè di un’area rurale del nord ovest del Camerun. Le madri dei primi parlavano il cinese mandarino, caratterizzato da 4 suoni chiave, mentre nel secondo caso le tonalità erano più numerose. Gli esperti hanno registrato i “lamenti” spontanei, tipici per esempio quando il bebè ha fame, e hanno individuato le differenze, anche confrontando le registrazioni con quelle ottenute in Paesi europei, dove il linguaggio ha caratteristiche diverse.

Alle radici dell’idioma

Grazie a queste ricerca si può comprendere come si realizzano le prime fasi dello sviluppo delle abilità vocali ben prima che i piccoli comincino con i classici processi di lallazione e si possono ipotizzare nuove evidenze per valutare il percorso del linguaggio fin dalle fasi più precoci.

L’influenza del clima

Sulle differenze non influirebbe solo la lingua parlata dalla gestante, ma anche il legame madre-feto, fattori genetici e addirittura situazioni ambientali. A sottolineare l’influenza del clima sul fatto che i vagiti dei neonati sono diversi a seconda del Paese natale è intervenuta anche una ricerca condotta al Max Planck Institutes for Psycholinguistics, Evolutionary Anthropology and Mathematics di Lipsia (Germania), che mostra come le lingue tonali siano più diffuse nelle aree del Pianeta con un più elevato tasso di umidità, mentre le inflessioni sarebbe molto più limitate nelle zone più secche.  Il motivo? Se le corde vocali sono abituate all’umidità possono modulare più facilmente le parole in base al tono, attribuendo inflessioni diverse a una stessa sequenza di lettere. 

 

 
 
 

lo sapevi che?

Durante la gravidanza “parlare” con il piccolo, cantare filastrocche e raccontare favole è importante, a prescindere dalla lingua che si parla e da quello che sarà il suo vagito.

 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti