Coliche gassose: l’agopuntura può aiutare

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 08/11/2019 Aggiornato il 12/11/2019

L’agopuntura può aiutare a ridurre il pianto del neonato dovuto alle coliche gassose. Ecco come e perché funziona

Coliche gassose: l’agopuntura può aiutare

Il bimbo piange in modo inconsolabile? Forse soffre delle classiche coliche gassose. Ma un aiuto sicuro e privo di effetti collaterali può venire dall’agopuntura. È quanto sostengono ricercatori del Department of health sciences della Lund University (Svezia). Il problema coinvolge il 10-20% dei bambini dalla seconda settimana al quarto mese di vita e più di una famiglia su 5. Si ritiene sia dovuto alla presenza di bolle aria nell’intestino per cause diverse: immaturità del sistema digerente, difficoltà nella suzione, dieta materna inadeguata, eccessiva ansia dei genitori.

Risultati dopo 2 settimane di trattamenti

Secondo lo studio l’agopuntura, praticata sui lattanti per 2 volte alla settimana per 2 settimane, sarebbe in grado di alleviare i sintomi tipici delle coliche in maniera significativa e sicura.  Al termine dello studio e fino a 6 giorni dopo la fine dell’intervento, infatti, i bambini sottoposti ad agopuntura piangevano meno rispetto a quelli che non erano stati trattati. Gli autori hanno così concluso che l’agopuntura può aiutare a ridurre il pianto del neonato dovuto alle coliche. L’obiettivo dei trattamenti, infatti, è quello di diminuire, non di azzerare, il pianto, che per i neonati è un sistema comunicativo efficace, l’unico che conoscono. È importante registrare quanto i bambini piangano per intervenire solo quando il pianto è anomalo.

Efficace per molti disturbi

Numerosi studi confermano l’efficacia dell’agopuntura in diverse patologie, come terapia unica o in associazione a quella farmacologica. Viene usata, per esempio, nel trattamento del dolore cronico come la lombalgia, nella profilassi dell’emicrania e della cefalea muscolo tensiva. L’applicazione di aghi su punti e lungo percorsi specifici, a seconda del tipo di patologia, avrebbe infatti un effetto antidolorifico mediato dalla produzione di  endorfine. Ora questo studio aggiunge che l’agopuntura può aiutare a ridurre il pianto del neonato dovuto alle coliche. Sebbene ci sia bisogno di studi ulteriori che dimostrino questo effetto, non si può escludere che l’agopuntura possa essere efficace anche sui bimbi molto piccoli.

Anche altre cause

Secondo gli esperti, sebbene cercare rimedi naturali, senza controindicazioni né effetti collaterali, sia utile per alleviare i disturbi nei bambini senza ricorrere ai farmaci, è innanzitutto importante appurare le cause del pianto prolungato e inconsolabile del bebè: non sempre, infatti, l’origine sono le coliche gassose. 

 

 
 
 

lo sapevi che?

In Italia l’agopuntura è considerata un atto medico e, quindi, può essere esercitata esclusivamente da laureati in medicina e chirurgia.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

La mia gravidanza si è interrotta subito: quando riprovarci?

16/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

Si può cercare un bimbo immediatamente dopo un aborto spontaneo, avvenuto nelle primissime settimane di gravidanza.   »

Sono incinta: posso continuare ad allattare?

14/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se lo si desidera, non c'è ragione di smettere di allattare quando inizia una nuova gravidanza.   »

Dolicocefalia in bimbo di tre mesi: quali conseguenze?

14/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Questo tipo di malformazione cranica comporta un problema quasi esclusivamente di natura estetica.   »

Fai la tua domanda agli specialisti