Ittero neonatale: si combatte con una super-tutina

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 21/12/2017 Aggiornato il 21/12/2017

L'ittero neonatale colpisce circa il 30% dei neonati a termine. Per curarlo si punta a uno speciale pigiamino a fibre ottiche che emette luce blu

Ittero neonatale: si combatte con una super-tutina

L’ ittero neonatale potrà essere trattato, in futuro, facendo indossare ai piccoli uno speciale pigiamino a fibre ottiche. I piccoli così potranno ristabilirsi non dovendo necessariamente stazionare nudi in un’incubatrice sotto la lampada blu con una protezione sugli occhi per proteggerli dai raggi, ma in braccio alla mamma e al papà avvolti nella innovativa super-tutina.

Fibre ottiche nel tessuto

La speciale tutina contro l’ ittero neonatale, messa a punto da un gruppo di ricercatori del Laboratorio federale di prova dei materiali e di ricerca (Empa) di Dübendorf (Svizzera), è stata realizzata con un particolare tessuto, in cui sono inserite fibre ottiche che diffondono in modo uniforme sulla pelle dei bimbi che la indossano una luce blu prodotta da diodi a emissione di luce (Led). Il trattamento sperimentale, guidato da Luciano Boesel, è descritto sulle pagine della rivista Biomedical Optics Express. “Il tessuto fotonico che abbiamo realizzato è lavabile e ben tollerato dalla pelle”, assicura Maike Quandt, prima autrice dello studio.

Luce a bassa intensità

Lo speciale pigiamino che potrebbe sostituire la tradizionale fototerapia per la cura dell’ ittero neonatale non è ancora commercializzato e il prototipo finora sviluppato diffonde una luce blu a bassa intensità. In caso di commercializzazione, precisano gli autori, l’intensità luminosa dovrà essere aumentata.

Cosa è l’ittero neonatale

Chiamato anche “ittero fisiologico”, è una condizione piuttosto frequente in cui, a causa dell’instabilità del metabolismo neonatale nei primi giorni dopo la nascita, le sostanze tossiche derivate dalla degradazione dell’emoglobina, invece di venire eliminate attraverso il fegato, si concentrano nella pelle, che assume così la tipica colorazione giallastra.

 

 
 
 

Lo sapevi che?

Il Led (Light emitting diode) è un piccolo diodo installato su un materiale riflettente all’interno del quale i movimenti di fasci di elettroni producono il raggio di luce che viene opportunamente indirizzato all’esterno da una particolare lente. I Led sono elementi compatti e resistenti e con un ciclo di vita molto lungo; funzionano a bassi voltaggi e, pur producendo una luce molto intensa, non scaldano, risultando più sicuri nell’utilizzo.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Tampone positivo allo streptococco durante la gravidanza

23/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono delle indicazioni da seguire quando si risulta positive allo streptococco in prossimità del parto, prima tra tutte recarsi con urgenza in Pronto soccorso fin dalla prima comparsa delle contrazioni.   »

Tosse dei bambini: l’antibiotico serve o no?

14/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

La tosse secca, anche se più disturbante, non deve preoccupare e non richiede inevitabilmente l'antibiotico, che invece va somministrato quando la tosse è “grassa”, con tanto catarro, e si protrae per oltre quattro settimane senza alcun accenno di miglioramento.  »

Fai la tua domanda agli specialisti