Mal di gola (faringite) nel neonato

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 13/01/2015 Aggiornato il 26/01/2015

Il mal di gola e le cause della faringite. Scopri i sintomi e le cure migliori per il tuo bambino

Mal di gola (faringite) nel neonato

LA FARINGITE

Che cos’è

È l’infezione della gola, che può, tuttavia, essere limitata soltanto alle tonsille (ciascuna delle due formazioni poste simmetricamente ai lati della gola; nell’infanzia hanno la funzione di attivare il sistema di difesa naturale nel caso di attacco di virus o batteri), nel qual caso si parla di tonsillite. Spesso la causa della faringite è batterica.

Come si manifesta

Il dolore alla deglutizione e il mal di gola sono i due principali sintomi, che portano il bambino a ridurre o sospendere l’alimentazione. Può anche essere presente tosse, inizialmente secca poi via via sempre più catarrosa. Il periodo acuto della faringite riguarda, di solito, i primi 3-4 giorni dalla comparsa dei sintomi. È bene, tuttavia, rispettare i tempi previsti per la completa guarigione, evitando di riportare in comunità il bambino ai primi segni di miglioramento.

Le cure

Per alleviare il mal di gola, il pediatra, in genere, prescrive un antinfiammatorio, meglio se anche dotato di azione antipiretica (cioè antifebbrile), in considerazione dell’elevata frequenza di febbre. Sulla base della visita, il pediatra può valutare l’opportunità di una cura di antibiotici.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Utero setto: operare o no prima di una gravidanza?

17/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

La tendenza di oggi è di non intervenire sempre e comunque in caso di utero setto, ma solo in determinate condizioni.  »

Gravidanza e dubbi sulla vitamina D

17/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La vitamina D, anche se assunta in dosi superiori al fabbisogno, non provoca danni al feto.   »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Fai la tua domanda agli specialisti