Soffio al cuore nel bebè

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 18/11/2019 Aggiornato il 20/11/2019

Non è raro riscontrare il soffio al cuore nei neonati. Ecco come diagnosticarlo, le cure e i controlli da effettuare regolarmente per escludere che sia la spia di problemi seri

Soffio al cuore nel bebè

Il soffio al cuore nel neonato è di norma un evento fisiologico perché nella stragrande maggioranza dei casi il cuore del bambino, come tutto l’apparato cardiovascolare, è sano e in grado di produrre le migliori prestazioni. L’anatomia cardiaca è normale, le valvole funzionano perfettamente, il muscolo cardiaco si contrae efficacemente, stimolato da un sistema di produzione e conduzione dello stimolo elettrico efficiente. Anche le arterie che irrorano il cuore e tutto l’organismo sono indenni e l’arteriosclerosi, la seria malattia degenerativa dei vasi arteriosi che tanti guai può creare nell’adulto e nell’anziano, non ha ancora iniziato a causare danni. Ciò nonostante, in molti bambini (il 50-60 per cento) il pediatra ausculta un soffio cardiaco. Questo fenomeno può essere talora isolato, per esempio in concomitanza di un episodio febbrile, ma può anche persistere nel tempo e ripresentarsi nel corso di più controlli clinici.

Il “rumore” del sangue

In corrispondenza del ciclo cardiaco (cioè l’alternarsi ritmico di contrazione e distensione compiuto del cuore) vengono normalmente percepiti tre toni, prodotti dalla vibrazione delle valvole, che coincidono:

  • il primo con la chiusura delle valvole mitrale e tricuspide (inizio sistole);
  • il secondo con la chiusura delle valvole aorta e polmonare (inizio diastole);
  • il terzo con la fine del riempimento rapido della diastole ventricolare.

Quest’ultimo, definito “innocente”, è, in genere, rilevato nei bambini e negli adolescenti. Si tratta del rumore che il sangue produce passando attraverso il cuore, quando le valvole si chiudono. La presenza di un quarto tono (galoppo atriale), invece, è da considerare un’anomalia. Il pediatra, auscultando il cuore con l’apposito strumento (il fonendoscopio), è comunque in grado di capire subito se si tratta di un soffio funzionale, cioè innocente, in quanto derivante dallo scorrimento del sangue all’interno delle cavità cardiache.

Come si capisce se è “innocente”

  • Il suono: il rumore del soffio innocente è dolce e non brusco, in genere è debole e varia a seconda della respirazione e con la posizione. Cresce di intensità quando aumenta la frequenza cardiaca, come in caso di febbre o sforzo fisico. – La zona: il soffio funzionale non si irradia ed è tendenzialmente ubiquitario, cioè si percepisce su tutti i punti standard di ascoltazione, anche se si percepisce meglio al margine medio-inferiore dello sterno (l’osso piatto al centro del torace).
  • La fase cardiaca: il soffio innocente è solo sistolico. Il cuore, infatti, compie continuamente un ciclo di contrazioni (sistole), in cui il sangue è spinto verso l’aorta e l’arteria polmonare, e di rilasciamento (diastole), in cui il cuore si distende e si riempie di sangue. Non ci si deve preoccupare se il rumore è percepito soltanto nella fase di contrazione, mentre la successiva non è accompagnata da suoni particolari. In ogni caso, se il sintomo persiste per lungo tempo, il medico chiederà la consulenza del cardiologo pediatra: lo specialista visita il bambino, esamina l’elettrocardiogramma ed esegue un’ecocardiografia allo scopo di individuare eventuali anomalie.

Perché è frequente nel bambino

Nel bambino sono presenti alcune caratteristiche che favoriscono l’insorgenza del fenomeno: innanzitutto l’elasticità della gabbia toracica, l’assenza di alterazioni del contenuto aereo dei polmoni, l’esilità delle strutture che separano il cuore dall’orecchio dell’auscultatore fanno sì che sia possibile percepire anche rumori molto deboli. Inoltre l’elevata frequenza cardiaca tipica dell’età pediatrica e la minor viscosità del sangue dei bambini, dovuta all’anemia (basso contenuto di globuli rossi) fisiologica, determinano più facilmente delle turbolenze che generano il soffio funzionale.

A volte è patologico

In questo caso i soffi cardiaci sono suoni estranei di durata maggiore rispetto a quello fisiologico, prodotti dalle vibrazioni delle pareti ventricolari, delle valvole cardiache o delle pareti vasali. Possono nascere da flussi anomali o semplicemente aumentati.

Si differenziano per:

  • tempo di comparsa (diastolici, sistolici o continui);
  • frequenza (alti o bassi);
  • intensità (si classificano in sei gradi: il primo non sempre udibile, il sesto così intenso da poter essere percepito anche con il fonendoscopio appena sollevato dal torace);
  • durata.

Il calendario dei controlli

Sono davvero rari i casi in cui il soffio al cuore nasconde disturbi più seri. In ogni caso i problemi variano in base all’età del piccolo, perciò è bene sottoporre il piccolo a una visita:

  • entro i sei mesi: la maggior parte delle cardiopatie congenite severe (gravi disturbi) danno sintomi entro 7-10 giorni di vita. Tuttavia, può capitare che si evidenzino più tardi, nei primi mesi di vita. Queste anomalie sono dovute a uno sviluppo imperfetto dell’organo già durante la crescita in utero: spesso è necessario intervenire chirurgicamente, altre volte si risolvono con la crescita;
  • dopo i sei mesi: dopo questa età il soffio al cuore non è mai la spia di un problema serio. Può presentare semmai una cardiopatia minore, cioè assolutamente innocua e priva di gravi disturbi che possono peggiorare in futuro.

Gli esami da fare

Se necessario il pediatra o il cardiologo possono richiedere due accertamenti in modo da individuare la vera natura del soffio:

  • l’elettrocardiogramma (ECG): registra l’attività del cuore e la visualizza tramite un tracciato grafico. È il primo controllo che si esegue, perché permette di chiarire ogni dubbio;
  • l’ecocardiogramma: è un’ecografia che permette di osservare il cuore e le cavità cardiache, le valvole e il loro movimento. Si esegue dopo l’elettrocardiogramma su richiesta del cardiologo, per fare ulteriori accertamenti.

 

Da sapere!

Il soffio al cuore funzionale, cioè normale, è un fenomeno comune e nella maggioranza dei casi si risolve da sé con la crescita senza bisogno di cure particolari. Si risolve con lo sviluppo perché il rumore dello scorrimento del sangue viene trasmesso con più difficoltà all’esterno della gabbia toracica (la struttura ossea che protegge il cuore), che diventa più grande con la crescita. Il soffio non è quindi più ascoltabile, ma non per questo significa che sia sparito. In alcuni casi tuttavia permane e anzi, in alcune persone la gabbia toracica può anche fungere da “cassa di risonanza” e amplificare il suono del soffio: non occorre in ogni caso preoccuparsi.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Intolleranza al latte in bimba di due anni: c’è da dubitarne!

22/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

A due anni di età non è nemmeno da ipotizzare un'intolleranza al latte quindi è lecito dubitare di una simile diagnosi.   »

Nonna che svaluta i genitori: che fare?

18/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Non si possono tollerare gli atteggiamenti prevaricatori dei nonni (né di altri parenti che si occupano dei bambini): in caso contrario si espongono i figli a vari rischi.   »

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Fai la tua domanda agli specialisti