Ernia ombelicale nel neonato

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 12/04/2019 Aggiornato il 15/04/2019

L’ernia ombelicale tende a regredire da sola nel giro di 18-24 mesi. Talvolta, però, occorre intervenire

Neonato: testicoli grossi, pene non si scopre: che fare?

L’ernia ombelicale nel lattante si manifesta come una tumefazione che si nota a livello dell’ombelico. Colpisce dal 10 al 20 per cento dei neonati. L’ernia ombelicale verifica perché i muscoli dell’addome non si sono ancora saldati tra loro e dunque possono lasciare aperto un passaggio, una breccia attraverso cui il viscere fuoriesce formando una specie di pallina in corrispondenza dell’ombelico. L’ernia ombelicale tende a regredire da sola, di solito nell’arco dei primi 18-24 mesi di vita: infatti, si può osservare una progressiva riduzione delle dimensioni, fino alla sua sparizione. Non si tratta dunque di una patologia, ma di una situazione che normalmente non dà alcun tipo di complicanza. Una volta, le nonne consigliavano di mettere una monetina o un cerotto sopra questo rigonfiamento e di fissarla ben stretta con una fascia, pensando che servisse a farla regredire. In realtà, questo non serve a nulla.

Quando si interviene

In alcuni casi l’ernia ombelicale non regredisce completamente: se il bambino ha meno di tre anni, si tiene semplicemente sotto osservazione per due motivi. Anzitutto perché fino a quell’età c’è la possibilità di una guarigione spontanea. Inoltre, si preferisce operare i bambini affetti da questo tipo di ernia dopo i tre anni perché, a differenza dell’ernia inguinale, quella ombelicale non si complica mai, salvo casi eccezionali. Solo se l’ernia non regredisce o, addirittura, tende ad aumentare di volume dopo i tre anni di vita, si interviene. Si tratta di un intervento di routine, che consiste nel praticare una piccola incisione al margine inferiore della cicatrice ombelicale, quindi si isola il foro attraverso il quale fuoriesce l’ernia, si chiude con dei punti e si fa una sutura della pelle dell’ombelico. L’intervento viene praticato in regime di day hospital o al massimo con una notte di ricovero e di osservazione in ospedale.

 

 

Da sapere!

A differenza dell’ernia ombelicale, quella inguinale può invece avere conseguenze serie, perciò è importante intervenire al più presto.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Ovulazione: può verificarsi anche se si prende la pillola?

31/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono casi in cui, nonostante l'assunzione del contraccettivo orale, la donna continua a essere fertile: accade, per esempio, se è in sovrappeso.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti