Alcol e fumo in gravidanza aumentano di 12 volte il rischio Sids

Miriam Cesta A cura di Miriam Cesta Pubblicato il 04/03/2020 Aggiornato il 04/03/2020

Il pericolo che il neonato incorra nella morte in culla (Sids) è maggiore se la futura mamma ha fatto uso di alcol e fumo in gravidanza

Alcol e fumo in gravidanza  aumentano di 12 volte il rischio Sids

I bambini nati da madri che fatto uso di alcol e fumo in gravidanza hanno un rischio Sids aumentato di 12 volte rispetto a neonati che non sono stati esposti in gravidanza a queste sostanze oppure ne sono stati esposti solo durante il primo trimestre. È quanto emerge da uno studio  supportato dal National institutes of health (il servizio sanitario statunitense) e pubblicato su EclinicalMedicine, rivista online del gruppo Lancet.

Cos’è la morte improvvisa in culla

Si parla di  Sids quando la morte del neonato è improvvisa, inspiegabile (per questo definita “morte improvvisa in culla”). Molti studi hanno dimostrato che il rischio Sids è aumentato dall’abitudine materna al fumo durante la gravidanza, e altri studi hanno scoperto che anche l’esposizione all’alcol prima della nascita, soprattutto se in importanti quantità, può aumentarne il rischio.

Effetto sinergico

Lo studio del Nih spiega ora come il rischio di morte improvvisa in culla sia influenzato sia dai tempi – i ricercatori hanno rilevato che i figli di madri che hanno fatto uso di alcol e fumo in gravidanza hanno un rischio Sids aumentato di 12 volte rispetto ai bambini che non sono stati esposti in utero a queste sostanze o che ne sono stati esposti solo durante il primo trimestre – sia dalla quantità di esposizione prenatale al tabacco e all’alcol, oltre che dalla combinazione delle due sostanze: i risultati suggeriscono che le esposizioni combinate ad alcool e tabacco hanno un effetto sinergico sul rischio Sids.

Studio su larga scala

La ricerca è stata condotta tra il 2007 e il 2015 in due aree residenziali in Sudafrica, a Città del Capo, e in cinque aree degli Stati Uniti selezionate per l’alta prevalenza sia di morti in culla sia di utilizzo di alcol in gravidanza(). Tra le circa 12mila gravidanze monitorate si sono verificati 28 casi di morte in culla e, analizzando la storia clinica delle mamme, è emerso che il rischio è dodici volte maggiore se le donne bevono e fumano. “Il nostro è il primo studio prospettico su larga scala che ha l’obiettivo di studiare da vicino l’associazione tra l’esposizione prenatale all’alcol e al tabacco e il rischio Sids – spiega la prima autrice Amy Elliott dell’Avera Health Center for Pediatric & Community Research di Sioux Falls, in Sud Dakota – e i nostri risultati suggeriscono che le esposizioni combinate all’alcol e al tabacco risultano associate a un rischio sostanzialmente più elevato rispetto alla singola esposizione”.

 

 

 
 
 

Da sapere!

Dallo studio è anche emerso che la probabilità di morte in culla aumenta di cinque volte se le mamme si limitano a fumare dopo il primo trimestre e di quattro volte se si limitano a bere alcolici.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccinazione in bimba di 5 anni: ci sono pericoli se la mamma è incinta?

04/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Antonio Clavenna

Durante la gravidanza non ci sono rischi se si sottopone il primogenito alla vaccinazione contro difterite-tetano-pertosse-poliomielite.  »

A 9 mesi legumi sì o no?

03/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Chiara Boscaro

I legumi possono essere introdotti nell'alimentazione del bambino a partire dal sesto mese di vita, a patto che siano decorticati.   »

Bimba di due anni problematica: ma lo è davvero?

27/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Ci sono casi in cui non è il bambino a essere particolarmente difficile da gestine, ma i genitori a nutrire aspettative sul suo comprotamento che lui, per via della sua età, non può (ancora) soddisfare.  »

Fai la tua domanda agli specialisti