Asma: causa troppa igiene il rischio aumenta?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 23/06/2014 Aggiornato il 23/06/2014

Il rischio di asma in età adulta diminuisce se subito dopo la nascita i polmoni hanno la possibilità di entrare in contatto con i batteri

Asma: causa troppa igiene il rischio aumenta?

L’asma è una malattia sempre più diffusa. Del resto, secondo l’Organizzazione mondiale della sanità, i casi aumentano del 50% ogni decennio. Alla base ci sono tanti fattori diversi. Un ruolo importante potrebbe essere giocato anche dall’igiene eccessiva. Questa perlomeno è la conclusione cui è giunto uno studio condotto sui topi da un team di ricercatori svizzeri, dell’Università di Losanna, pubblicato sulla rivista Nature Medicine.

In condizioni sterili o tra i batteri

La ricerca è stata realizzata su alcuni topolini appena nati. Gli autori li hanno divisi in due gruppi. Uno è stato esposto fin da subito a degli allergeni, ossia sostanze in grado di scatenare un’asma allergica o un’altra risposta allergica nei soggetti e animali predisposti. L’altro gruppo, invece, è stato mantenuto in condizioni sterili, in un ambiente perfettamente igienizzato e privo di qualsiasi sostanza potenzialmente dannosa. Gli autori hanno seguito i topi per alcuni mesi, analizzando i loro polmoni costantemente. Lo scopo era capire se e quali animali sviluppassero problemi respiratori.

Tra i germi, all’inizio più malattie, poi niente allergie

I risultati hanno dimostrato che i topolini che sono stati esposti agli allergeni, da neonati, presentavano una maggiore suscettibilità alle malattie delle vie aeree, come infiammazioni polmonari. Tuttavia, questa suscettibilità non durava nel tempo. Infatti, nel corso dei mesi gli animali sono diventati tolleranti agli allergeni e da adulti non hanno sviluppato l’asma. La ragione? Progressivamente i polmoni sono stati colonizzati da microbi che hanno favorito la comparsa di cellule immunitarie anti-infiammatorie in grado di proteggere le vie aeree.

Senza germi, più allergie

I topi che sono stati mantenuti in condizioni sterili, invece, non sono entrati in contatto con i microbi e sono diventati sensibili agli allergeni. Da adulti, quindi, erano più vulnerabili alle malattie respiratorie. Gli autori hanno concluso che la troppa igiene non è benefica. Infatti, se i polmoni subito dopo la nascita entrano in contatto con allergeni e batteri sono più protetti dall’asma. 

In breve

SPESSO SI SOFFRE DI FORME MISTE

La maggior parte delle persone affette da asma soffrono di una forma mista d’asma allergica e asma non allergica.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sono davvero a rischio di diabete gestazionale?

01/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Quando si inizia la gravidanza in una condizione di obesità e, in più, si aumenta di peso rapidamente già a partire dal primo trimestre il rischio di sviluppare il temibile diabete gestazionale diventa alto, soprattutto se l'esame della curva da carico di glucosio evidenzia un'iperproduzione di insulina....  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti