Autismo: è nato il network per una diagnosi precoce

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 09/12/2014 Aggiornato il 09/12/2014

Il network per bimbi ad alto rischio di autismo è stato pensato per fratelli e sorelle minori di bimbi colpiti dal disturbo

Autismo: è nato il network per una diagnosi precoce

È nato il network per bambini ad alto rischio di autismo – “Nida” (progettonida.it): in particolare è stato pensato per fratelli e sorelle minori di bambini colpiti dal disturbo. Infatti, questi vengono monitorati dalla gravidanza fino ai due anni di età. In questo virtuoso progetto di diagnosi precoce dell’autismo avviato dall’Istituto superiore di sanità (Iss) sono state coinvolte quattro unità operative di quattro regioni: Lombardia (unità operativa Medea), Toscana (Stella Maris), Lazio (Bambino Gesù, Campus Biomedico) e Sicilia.

Il sito per i genitori

Nell’ambito del progetto è stato istituito il network “Nida” (progettonida.it), che punta a individuare precocemente le anomalie evolutive in una popolazione a rischio di autismo. Il sito internet permette ai genitori di questi bambini di scaricare e compilare diversi questionari da consegnare agli operatori durante le visite di valutazione nelle Unità di neuropsichiatria infantile. “Il progetto avrà un impatto significativo sul Servizio sanitario – spiega Maria Luisa Scattoni, ricercatore del reparto di Neurotossicologia e Neuroendocrinologia dell’Iss e responsabile del lavoro -, in quanto consentirà il riconoscimento precoce di autismo tramite la validazione e standardizzazione di un protocollo di sorveglianza e di valutazione del neurosviluppo già attivo in alcune Unità operative. Verranno selezionati gli strumenti diagnostici con maggior valore predittivo per rendere il protocollo agile e ridurre il tempo necessario per il follow-up”.

Un percorso per ogni bambino

L’équipe multidisciplinare impiegata nel progetto contro l’autismo, come neurobiologi, neuropsichiatri infantili, psicologi, terapisti della neuro e psicomotricità dell’età evolutiva e ingegneri biomedici, garantirà un intervento terapeutico individualizzato, riducendo così in modo significativo l’impatto del disturbo sullo sviluppo neurocomportamentale del bambino, sulla qualità della vita degli individui affetti, sul carico familiare e sul costo assistenziale per il sistema sanitario.

L’importanza della diagnosi precoce

La sorveglianza per la diagnosi precoce dei disturbi di autismo inizia dalla gravidanza e continua fino ai due anni di età e l’obiettivo è individuare bambini con autismo prima dei due anni e inserirli da subito in un programma di intervento terapeutico personalizzato.  Dal 2011 a oggi sono stati reclutati e valutati 80 bambini di controllo e 25 bambini ad alto rischio, cioè fratelli e sorelle minori di bambini che hanno già ricevuto una diagnosi di autismo. A questi ultimi viene somministrato un protocollo di sorveglianza e di valutazione del neurosviluppo nei primi 18 mesi di vita. 

In breve

SU INTERNET I QUESTIONARI PER I GENITORI

Il network “Nida” punta a individuare precocemente le anomalie evolutive in una popolazione a rischio di autismo. Il sito internet permette ai genitori di scaricare e compilare diversi questionari da consegnare agli operatori durante le visite di valutazione nelle Unità di neuropsichiatria infantile. 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Ragazzina di 12 anni con problemi di comportamento

04/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

I 12 anni possono essere un'età complicata, ma la pazienza unita a un ascolto attento e affettuoso possono aiutare a fronteggiarli senza troppi scossoni.   »

Fibromi in gravidanza: sono pericolosi?

02/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

I fibromi in sé non costituiscono un pericolo per il bambino in utero, tuttavia è importante tenerli monitorati.  »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Fai la tua domanda agli specialisti